Banner
Banner
Banner

Piedimonte Matese. Il Matese viene sconfitto di misura dal Tolentino e reclama un calcio di rigore

Piazza dei Giudici - Sport

facebook 1649105418734 6916849454219482160

Niente da fare per il Matese. Il Tolentino sbanca il ‘Ferrante’ di Piedimonte per 1-0 grazie al gol di Mengani dopo appena 10 minuti di gara. I verdeoro ci provano soprattutto nella ripresa ma i marchigiani confermano di avere una delle migliori difese del girone F. I Lupi recriminano per un calcio di rigore non concesso per un fallo che – dagli spalti – sembrava evidente. Adesso guardando la classifica si capisce che la prossima gara, il 10 aprile, con la Sambenedettese è un vero e proprio scontro diretto per evitare la zona calda della classifica. Primo tempo. Il Tolentino parte meglio e ci mette 10 minuti a passare in vantaggio: il più giovane in campo, il classe 2004, Mengani, trova dalla lunghissima distanza l’incrocio dei pali dove Martino non può arrivare. Matese subito costretto a rincorrere. E’ 0-1. Al 22’ ancora pericoloso il club marchigiano con Severini che mette al centro un pallone importante per la testa di Padovani che dal dischetto riesce a colpire di testa senza avere difensori addosso ma la sfera, fortunatamente, va vicina al palo e finisce fuori. Al 33’ l’occasione più nitida per i ragazzi di mister Corrado Urbano: corner di Ricciardi sul secondo palo, Galesio va in cielo e stacca alla grande cercando il palo lontano ma il 20enne Bucosse riesce a smanacciare, e poi è aiutato dalla difesa che libera l’area. E’ anche l’ultima azione del primo tempo, dopo un minuto di recupero si torna negli spogliatoi. Secondo tempo. Primo squillo del Matese al 10’ della ripresa ed è del Matese con Napoletano che non riesce – di testa – a trovare lo specchio. Urbano si gioca il tutto per tutto: fuori Riccio e Fabiano, dentro Calemme e Masi. Verdeoro a trazione anteriore per provare l’assalto al pareggio nell’ultima mezz’ora di gioco. Alla mezz’ora della ripresa ecco che tutti coloro presenti allo stadio ‘Ferrante’ si alzano in piedi per la conclusione di Napoletano che è bene indirizzata e sembra voler permettere ai Lupi di pareggiarla ma ancora una volta Bucosse con un intervento prodigioso si guadagna gli applausi dei compagni di squadra mettendo in corner. A dieci dalla fine dentro anche Langellotti per Tribelli. Ancora più peso all’attacco. Ci mette 30 secondi il neo entrato a mettere in crisi il portiere Bucosse: tiro dal vertice dell’area, il numero uno marchigiano non blocca e il più lesto ad arrivare è Galesio che però spara sul portiere. Pochi secondi dopo veementi proteste del Matese: Congiu viene atterrato in area di rigore, penalty richiesto da tutto lo stadio ma l’unico a non accorgersi del fatto è l’arbitro Picardi di Viareggio che lascia proseguire. Al minuto 88 Calemme riceve un pallone perfetto, ci prova in sforbiciata ma la sua conclusione è altissima. Mani nei capelli per l’ex Fasano. 
 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.