Pallamano Capua: Merano 2013 “Il racconto di un’avventura”

Piazza dei Giudici - Sport

ufficiale_under_16.jpgLa squadra di pallamano di Capua under 16 ha partecipato alle finali nazionali per l’assegnazione dello scudetto di categoria a Merano dal 30 maggio al 2 giugno, in virtù della vittoria del titolo regionale, dal punto di vista dei risultati sportivi è stata una débacle perché ha perso i tre incontri disputati con risultati pesanti.
Le sconfitte bisogna accettarle e soprattutto analizzarle perché si trasformino in momento di crescita e non in frustrazione per il risultato mancato.
Il girone A comprendeva l’Obros Capua, campione regionale campana, la Pallamano Savena di Bologna campione regionale dell’Emilia Romagna e campione nazionale uscente dell’under 14, la Teknoelettronica Teramo campione regionale dell’Abruzzo e la Pallamano Benevento ripescata per la rinuncia per motivi economici di alcune squadre, specialmente del sud, campioni regionali.
La squadra di Capua ha giocato alle 09.00 di venerdì 31 maggio con la Pallamano Savena, ha iniziato timorosissima tanto che dopo 12’ si era sul 13-1 per i bolognesi, nei rimanenti 13’ del primo tempo c’è stato un parziale di 8-6 per i capuani che hanno cominciato a giocare. Nell’intervallo l’allenatore Panariello ha cercato di supportare psicologicamente i giovani atleti capuani, che si trovavano per la prima volta in un competizione di così alto livello, in modo che in campo dimostrassero le qualità tecniche e l’impostazione tattica che sembravano aver perso nel primo tempo. All’inizio della ripresa sembrava che qualcosa fosse cambiato con un’alternanza di reti ma dal 10’ al 17’ c’è stato di nuovo un tonfo con un parziale di 10 reti per il Savena e così l’incontro è finito con una sconfitta di largo margine.
Lo stesso pomeriggio alle 15.30 derby con la Pallamano Benevento superata nel campionato regionale, anche questo incontro che fino al 5’ del secondo tempo vedeva le squadre in sostanziale parità, registrava un altro momento di appannamento totale tanto da avere un parziale di 12-2 per il Benevento che è risultato il preludio alla sconfitta.
Dopo una giornata caratterizzata da due batoste soprattutto psicologiche, venute da una serie di errori tecnici, passaggi sbagliati, pallone che sfuggiva dalle mani, portieri nulli e soprattutto perdendo palla in attacco si sono permessi molti contropiedi che hanno fatto fare un salto in avanti agli avversari e buttare ancora più giù i capuani, si è passati alle 09.00 di sabato 1 giugno all’incontro con la squadra di Teramo che dopo aver avuto largamente la meglio sul Benevento nella mattinata del giorno prima, aveva dovuto arrendersi al Bologna nel pomeriggio di 3 reti.
All’inizio l’incontro ha visto l’Obros Capua partire bene tanto che al 12’ il punteggio era 7-5 per i capuani, ma nei successivi 8’ di nuovo si è spenta la luce e si è passati con un parziale di 9-0 per il Teramo al 7-14 e così con un’alternanza di segnature si è giunti alla terza sconfitta.
Se guardiamo i tabellini possiamo dire che l’Obros Capua è tornata da Merano con tre sconfitte anche larghe nel punteggio, faremmo una valutazione puramente matematica, invece gli atleti e la società hanno analizzato il perché di un risultato inatteso.
La società in vista della preparazione a queste finali ha chiesto all’allenatore della prima squadra di curarne l’impostazione e quindi si è cercato di dare un assetto sia difensivo che di attacco più strutturato in visione futura, visto che l’obiettivo era far fare esperienza di alto livello a questi giovani atleti cercando di far arrivare il risultato attraverso un gioco tatticamente valido sia in difesa che in attacco. Il tempo per far metabolizzare ai ragazzi questa mentalità è stato poco e per varie ragioni la squadra non ha potuto essere provata in incontri precedenti, questa non vuol essere una giustificazione per il risultato ottenuto, ma e soprattutto un affermare che queste finali erano una tappa per il raggiungimento di un obiettivo più importante che è quello di far si che questi atleti di indubbie qualità possano diventare i protagonisti della prima squadra di domani, per ora si sono gettate le basi, nella prossima stagione si proseguirà avvalendosi anche di una direzione tecnica che aiuti questa crescita.
Alcuni segnali positivi si sono avuti anche in queste finali infatti quando i ragazzi sono riusciti a sviluppare il gioco voluto si sono viste azioni di ottima fattura, questo a detta di tecnici presenti, partendo dal presupposto che gli atleti capuani avevano una statura inferiore agli avversari.
In questa fascia di età l’attuazione di un gioco che si basi su precise impostazioni tecnico-tattiche passa sempre attraverso l’impatto degli atleti con la partita, infatti sabato 1 giugno dopo le semifinali disputate, nessuno avrebbe scommesso sulla vittoria finale del Cassano Magnago, perché vista la prima semifinale tra le squadre di Padova e Cassano Magnago, vinta da quest’ultima e la seconda semifinale tra quelle di Bologna e Merano finita 31-32 dopo 4 tempi supplementari con delle giocate sia difensive che offensive che facevano dimenticare l’età dei partecipanti e che la facevano considerare la vera finale, si è passati invece alle finali di domenica mattina in cui Padova ha battuto Bologna per il terzo posto e Cassano Magnago ha battuto nettamente Merano per il primo posto.
In conclusione si può dire che il dispendio di energie fisiche e mentali della semifinale non ha permesso alle due squadre più forti di centrare la vittoria nelle gare di finale.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.