Banner
Banner

Capua. Di Rienzo: basito per la caduta di stile del mio "amico" architetto Luca Branco

intervista ultima"Sono francamente basito per la caduta di stile del mio “amico” architetto Luca Branco nel video postato stamattina nel quale sottolinea la differenza tra lui e me. 

Ho colto, con amarezza, tanta malafede nell’interpretazione della parola ”Ripartiamo” da me scelta come esortazione a lasciarsi alle spalle un triste passato e a far ripartire una macchina in panne.
E’ stata da lui interpretata diversamente, forse perché nel tempo, si è adeguato, militando tra vecchi arnesi politici della sinistra capuana, ad una mentalità furbesca e machiavellica, che vede il marcio dappertutto, e se non c’è, lo inventa.
Poco serio francamente anche leggere in un video pubblico un messaggio privato di un presunto “amico comune”.
Stiano tranquilli i miei “amici”: la mia professionalità e la mia correttezza non saranno dilapidate in questa mia esperienza politica che è chiara, limpida e soprattutto libera. Se il candidato e la sua corte dei miracoli pensano che io sia un burattino manovrato da un burattinaio, si sbagliano di grosso. Piuttosto dica chi muove i fili suoi e della sua coalizione; valuti bene la gente da che parte sono i burattini e Mangiafuoco.
Per quanto riguarda un presunto accordo da me firmato con alcuni commercianti in cambio di un assessorato, due sono le cose: o si trattava di un mio sosia, o il candidato Branco ha, all’interno della sua coalizione, persone bugiarde, mercanti pronti a scroccare qualcosa da un lato o dall’altro, servendosi di mezzucci.
Branco parla inoltre della sua squadra pronta da tanto e studiata a tavolino; io posso dire che molti dei candidati dell’attuale coalizione di sinistra sono stati nella mia sede fino a poche ore prima della chiusura delle liste, passando improvvisamente dall’altra parte pressati chissà da cosa o allettati da qualche promessa non “sottoscritta”.
In questi giorni io sono stato attaccato con offese ad personam per le quali avrei potuto sporgere querela; non l’ho fatto, anzi ho invitato tutti a moderare i toni.
Non mi aspettavo che la risposta al mio invito alla moderazione sarebbe stata così bassa e disperata.
Rassicuro tutti sulla mia incolumità: non sono in pericolo, non ho bisogno di “essere salvato”.
Credo di aver esposto idee ben chiare e di avere sufficienti capacità gestionali per metterle in atto, ma soprattutto tanta voglia di lavorare per il bene di Capua; ho già dimostrato di essere un uomo dei fatti, non delle chiacchiere.
Se dovessi essere eletto Sindaco, sarei il Sindaco di tutti, ma soprattutto il primo vero Sindaco del popolo, che è stato dimenticato da questa sinistra intellettualoide ed elitaria, sempre più lontana dagli interessi degli ultimi ma ben presente in ambienti “che contano”, in Cielo, in Terra ed in ogni luogo."


Angelo Di Rienzo candidato Sindaco della città di Capua

 

 

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.