Banner

Foglie di Lauro. "Nozze di platino". Il solco della fede, tracciato dall'Ordine Francescano nella nostra città

francescaniDopo ben settantacinque anni, il solco della fede, tracciato dall'Ordine Francescano Secolare, anche nella nostra città, ha lasciato una indelebile testimonianza, di quelli che sono gli insegnamenti di Francesco.
Le "nozze di platino" con il Signore e con San Francesco, saranno celebrate domenica, diciotto di novembre, nell'ambito di un programma che vedrà la partecipazione non solo dei francescani, ma anche di tanti fedeli e devoti, in quella che da sempre, rappresenta la casa della fratellanza: la chiesa dei Santi Filippo e Giacomo.
Anche se una terminologia paesana, attribuisce al sito, la denominazione di "Cappuccini", sin dal crinale della seconda guerra mondiale, un primo nucleo di fedeli del poverello di Assisi, si riunivano qui, a Capua, proprio nell'antico monastero. Correva, infatti, l'anno 1943, quando un gruppo di persone, spinte da una forte spiritualità francescana, fondarono l' Ordine Francescano Secolare, voluto da San Francesco, insieme agli altri due Ordini, pochi anni prima della sua morte.
L' 11 Luglio del 1943, i primi confratelli francescani a diffondere la professione di fede, furono Mario Zaccaro e Giovanni Staro.
Durante i festeggiamenti del 18 Novembre, alla presenza del nostro Pastore, l'Arcivescovo Salvatore Visco, degli ultimi tre parroci, in ordine di tempo, della chiesa dei Santi Filippo e Giacomo: don Salvatore Monaco, don Rosario Ventriglia e don Gianni Branco, che nel corso degli anni hanno guidato il "gregge" della Parrocchia, del padre spirituale frate Luigi e del ministro regionale dell' OFS Antonio Nappi, verrà narrata la storia della fraternità francescana capuana, attraverso una mostra fotografica, con immagini dell'epoca, filmati esclusivi, canzoni interpretate dalla cantante lirica Marina Cembalo e dal giovane musicista capuano Adrian Carniato e alcuni testi scritti e recitati dell'attrice e regista, Annamaria Cembalo. Il tutto, è stato "assemblato" con certosina dedizione, dal ministro dell'Ofs di Capua, Erennio De Vita. In questo caso, personaggio che certamente non ha bisogno di "presentazione".
Da tempo, oramai, il carissimo Erennio è ambasciatore della fede nel mondo dello spettacolo.
Sarà ricordato e salutato, con immutato affetto, anche padre Roberto Iannaccone, l'ultimo dei frati, testimoni attenti e generosi nella comunità capuana, che attualmente vive in un convento ad Avellino.
Nel corso della manifestazione, inoltre, il pittore e scultore Arturo Casanova, presenterà per la prima volta, in pubblico, il suo quadro dedicato a San Francesco, che verrà donato ed esposto nelle sale dello scalo aeroportortuale di Perugia.

 

Nelle foto con Erennio De Vita, ministro Osf, il padre spirituale fra Luigi e padre Roberto.

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.