Banner

Foglie di Lauro. Ultimi, vittime del pregiudizio per una società miope

vittimepregiudiziUltimi, vittime del pregiudizio. Ultimi per una società che, all'apparenza, crede di sapere, di capire, di comprendere, ma non è così.
Il teatro; un teatro di periferia, può mettere in scena una rappresentazione che ha toccato con mano: drammi, entusiasmo, amarezza ed allo stesso tempo esaltazione, per una condizione umana, difficilmente removibile.
L'E (s)senza nella regia meticolosa, attenta, puntuale di Annamaria Cembalo ha fatto toccare con mano i drammi degli ultimi, ha esaltato una condizione di vita vincolata all'essere e non all'io. L'interpretazione è stata magistrale, autorevole, di un professionismo, frutto di studio, di capacità interpretative, di una scuola fatta di semplicità, di amore, di passione.
Francesco Antinolfi e Daniela D'Auge hanno saputo accompagnare gli spettatori in un realismo contemporaneo ma con una genesi d'altri tempi.
Ed il merito "maggiore", della regia, firmata Cembalo, è stata quello di aver letteralmente "trascinato" il pubblico, inconsapevolmente, in una dimensione di protagonismo.
Un protagonismo inconscio, ma che è stato parte integrante della pièce.
Teatro non è sempre teatro, inteso come luogo di rappresentazione, perché il Gesù Gonfalone ha reso adattabile la spettacolarizzazione, sicché, la certezza premiabile della serata, ha certificato la scenografia naturale di un centro storico, quello di Capua, che in un camaleontico adattamento, può fungere da teatro naturale.
Meritevole di menzione, speciale, anche il dietro le quinte, con il service audio coordinato da Vittorio Fusto e Domy Mimmo e la fotografia di Manuel Torisco.
La seta storta, compagnia della scuola di teatro di Annamaria Cembalo, stabilisce un principio fondamentale per il prossimo futuro: competenza, impegno, studio, sono certamente sinonimo di professionismo. La scuola continua con le sue lezioni ed Annamaria Cembalo, dalla sala di regia, nella Pro Loco, in piazza dei Giudici, continua a diffondere con entusiasmo e competenza: cultura, sapienza e tanto amore per il teatro, quello vero, fatto di realtà quotidiane.

 

Nelle foto, momenti della rappresentazione con Francesco Antinolfi e Daniela D'auge e lo staff al completode La seta Storta.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.