Banner

Pirandello arriva a Capua

locandina-pirandello-fantasticoCapua.Venerdì 8 novembre alle ore 11:10 si è tenuto presso il teatro Ricciardi di Capua uno spettacolo imperniato su una produzione teatrale, perlopiù sconosciuta , dell’insigne drammaturgo, scrittore e poeta siciliano Luigi Pirandello. Il virtuosismo degli attori della compagnia teatrale “gruppo teatro studio” ha incantato la maggior parte degli spettatori, che al termine dello spettacolo si sono domandati: “è meglio essere o apparire?”, emblematico quesito che caratterizza l’intera produzione pirandelliana. Sono stati presentati, rivisitati in modo originale e atto a suscitare meraviglia nello spettatore, numerosi racconti tratti delle novelle "Acqua e lì","Ave Maria di Bobbio","La buon anima","Effetti di un sogno interrotto" e "Sala d’attesa". Non mancavano momenti di ilarità incorniciati da un’atmosfera suggestiva- paradigmatica della copiosa raccolta di novelle del poeta siciliano- che spaziava liberamente dal grottesco al tragicomico. Una scena tratta dal racconto “la vecchia imbellettata”,incentrata su una donna attempata che nel tentativo di apparire più giovanile per trattenere l’amore del marito si prepara <come un pappagallo>, è esemplificativa proprio di questa componente tragicomica tanto cara a Pirandello. Infatti, inizialmente la vecchia signora suscita ilarità per il suo aspetto, tuttavia la comicità si dissolve in una riflessione che spinge lo spettatore ad un’introspezione psicologica, empatizzando con la sofferenza del personaggio che è costretto a mettere una maschera per conformarsi agli standard sociali. Lo spettacolo, dunque, ha messo in rilievo una tragica piaga sociale che affligge in particolare i giovani d’oggi: le apparenze sociali. Sempre più adolescenti, infatti, anche grazie all’avvento dei social, si preoccupano unicamente delle apparenze, svalutando, invece, le infinite sfaccettettature che caratterizzano ognuno di noi e che costituiscono il nostro vero essere, che rimane, dunque, relegato in una sfera di invisibilità sociale, finendo per perdere consistenza ai nostri stessi occhi. Lo spettacolo pirandelliano, proposto dalla scuola in occasione del “venerdì letterario” ha dunque dimostrato, dunque, che la scuola riesce ancora a scuotere gli animi degli studenti.

 

Roberta Gaeta
classe: 5 scientifico B del liceo S. Pizzi di Capua

- Concorso Cronisti di Classe 2019/20 -

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.