Banner

16 febbraio: l'Italia si sveglia con l'arrivo del primo caso di coronavirus

 

Foto articolo 5Era la domenica del 16 febbraio che l’Italia si sveglia con una nuova consapevolezza , il coronavirus era arrivato anche nel bel paese, un 38enne residente a Codogno in provincia di Lodi risulta positivo al test. Da quel giorno la vita degni italiani cambia radicalmente. In base all’evolversi dell’epidemia, in modo negativo, il governo inizia ad emanare decreti sempre più ristrettivi fino ad arrivare a quello attuale che prevede : chiusura di scuole, bar , ristoranti ,negozi di non primo genere e soprattutto il divieto di uscire da casa se non per motivi di lavoro, salute o per fare la spesa. Ed è su quest’ultimo punto che gli italiani hanno iniziato ad interpretare la pandemia COVID19 ognuno a modo sua, alcuni la ritengono una semplice influenza, altri specialmente i giovani credono di essere immuni o di superarla con una semplice cura, ed altri ancora non si rendono conto della grandissima gravità del problema fino al punto che dove in alcune parti d’Italia si lotta 24h su 24h per aiutare persone colpite dal COVID19 a non morire supportate da angeli con il camice bianco , in altre parti loro con scarpette e pantaloncini fanno la corsetta nel parco o persone anziane, fascia più a rischio, fanno la chiacchierata con l’amico seduti su una panchina.
Le istituzioni ci stanno chiedendo anche a noi di fare la nostra parte e ce lo stanno chiedendo nel modo più semplice, RESTIAMO A CASA!.
Non ignoriamo questa semplice frase perché in queste poche parole può essere racchiusa la nostra salvezza.

 

Abbate Concetta IV A\LES
Cronisti di classe 2019\2020

 

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.