Banner

Il valore della testimonianza nel Giorno della Memoria

ImmagineAielloEducare noi giovani al rispetto dell'uomo in quanto uomo, al di là di ogni circostanza storica e politica è una necessità imprescindibile della società moderna. Alcune date significative servono a ricordarci dei crimini contro l'umanità commessi, affinchè possano non accadere più. La città di Capua, quest'anno,in occasione del Giorno della Memoria, è stata protagonista di due importanti eventi, vissuti nel segno delle testimonianze di chi ha vissuto, direttamente o indirettamente, l'orrore della guerra e della violenza nazifascista. Il 25 gennaio si è tenuta una toccante mostra fotografica del fotografo campano Antonio Munno nella suggestiva cornice della Chiesa della Carità. Le foto raccontano di un viaggio nei luoghi del dolore, nella dimensione della "inenarrabilità di Aushwitz". Osservare le foto mi ha fatto vivere emozioni fortissime e mi ha dato modo di riflettere sulla disumanizzazione alla quale sono stati sottoposti i deportati ad Aushwitz. Forte è stato anche il contrasto tra il luogo della mostra e le atmosfere delle foto: carità cristiana e amore per l'uomo figlio di Dio da un lato, odio, sofferenza, violenza gratuita e immotivata dall'altro. Credo che l'effetto voluto dagli organizzatori dell'Associazione fotografica culturale "Appunti fotografici" sia stato proprio questo. In effetti, una foto fatta bene racconta più di mille parole e colpisce l'attenzione e le coscienze di chi ne fruisce. Toccante la testimonianza della Sig.ra Graziella Di Gasparro che con la sua tenacia ha fatto luce sulle vicende storiche che il nostro territorio ha vissuto alla fine della seconda guerra mondiale. La sua testimonianza è anche parte integrante del docufilm "Terra bruciata"di Luca Gianfrancesco che è stato proiettato al Teatro Ricciardi il 30 gennaio. Alla proiezione hanno assistito le classi V degli istituti superiori di Capua. L'emozione comune di noi studenti è stata grande: studiare la storia sui libri di testo può sembrare un'operazione sterile ma "sentire" la storia dalle parole di chi ha vissuto quegli eventi è molto toccante. Personalmente, i due eventi mi hanno fatto riflettere sul volore della pace e del rispetto per la dignità dell'uomo e sull'importanza delle testimonianze. Fra qualche anno non ci saranno più testimoni in vita e il ricordo sarà affidato proprio alle foto, ai filmati storici, ai documentari e alle riproduzioni cinematografiche. Dunque, W le immagini, W il ricordo affinchè non accada più.

 

Maria Rosaria Aiello
V Ai Sistemi informativi aziendali
ITET "Federico II"

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.