Banner

Cancello ed Arnone. Adeguamento impiantistico comunale

comune cancelloCon imminente entrata in vigore del nuovo "programma di azione per le zone vulnerabili ai nitrati", le aziende zootecniche avranno l'obbligo di porre in essere le soluzioni più ido-nee per il trattamento e la valorizzazione degli effluenti zootecnici con l'obiettivo di ridurre l'inquina-mento da nitrati delle acque superficiali e profonde dei terreni agricoli.
"L'ultima riperimetrazione delle zone vulnerabili - spiega l'assessore all'agricoltura Gabriele di Vuolo - a raddoppiato la superficie interessata da circa 158.000 a 316.000 ettari. Per i numerosi alleva-menti che rientrano nelle zone vulnerabili di nuova individuazione, si pone, quindi, di esigenza di re-perire superfici agricole idonee allo spandimento dei reflui, in conseguenza dell'obbligo stringente di dimezzare il carico azotato da 340 a 170 kg/ettaro”.
Per questo motivo, con delibera di giunta n. 23 del 06/02/2020, l'amministrazione comunale ha pre-so atto del "programma straordinario per l'adeguamento impiantistico ambientale a supporto del comparto Bufalino", promosso dalla regione Campania con l'obiettivo di intervenire nelle zone vul-nerabile ai nitrati attraverso l'impiantistica moderna dei reflui zootecnici in grado di produrre energia e composti E di proteggere le acque dall'inquinamento da nitrati.
"La realizzazione degli impianti rappresenta nel medio e lungo periodo la soluzione strutturale per garantire la stabilità del comparto Bufalino e la tutela delle risorse del territorio. Ci stiamo impegnan-do affinché anche altri comuni adottino questo deliberato per collaborar e convintamente all'attua-zione del programma attraverso la formazione di partenariati per la realizzazione degli impianti di trattamento collettivi. Come si può ben immaginare, la realizzazione e l'entrata in funzione di questi impianti, richiederà diversi anni. E, per questo, nel mentre, chiediamo alla regione Campania una proroga o comunque un provvedimento per rendere graduale l’entrata in vigore del nuovo pro-gramma d'azione e degli obblighi stringenti che ne conseguiranno. Per la prima volta - conclude l’assessore - ci avviamo verso soluzioni strutturali e di lungo periodo al problema della gestione dei reflui zootecnici. Non possiamo restare con le mani in mano e non difendere un settore che, come testimoniano le da recente rapporto Svimez, contribuisce in maniera decisiva all'occupazione al PIL agroalimentare campano e alla reputazione a scala globale della nostra Digione".

 

Banner
 

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.