Banner

Maddaloni-Calvi Risorta. GDF: sequstrate 62 aziende in due anni per danni ambientali

cartina sequestriNell’ultima settimana i Reparti dipendenti dal Comando Provinciale di Caserta hanno sequestrato altre 4 aziende che operavano senza le prescritte autorizzazioni ambientali, delle quali 3 completamente abusive.
In particolare i finanzieri della Compagnia di Marcianise hanno messo i sigilli a 2 autocarrozzerie di Maddaloni e ad un’altra autocarrozzeria di Santa Maria a Vico.
La situazione riscontrata all’atto dell’accesso è stata analoga alle decine di casi precedenti: mancanza di autorizzazione ambientale, sversamento di olii e acque reflue nelle condotte fognarie, smaltimento degli scarti da lavorazione e di altri rifiuti pericolosi senza autorizzazione e tracciamento, mancanza delle precauzioni di legge per la sicurezza degli ambienti di lavoro e, in due dei tre casi, anche la mancanza di autorizzazione all’esercizio dell’attività commerciale.
Anche per queste aziende è quindi scattato il sequestro dei locali, delle attrezzature e dei materiali e la denuncia dei titolari alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere.
Questa mattina il quarto intervento repressivo, che ha visto protagonisti i militari della Compagnia di Capua che hanno individuato e sequestrato in Calvi Risorta un’azienda di lavorazione marmi, completamente abusiva.
In questo caso l’azienda continuava ad operare sebbene avesse cessato la propria partita iva già nel 2015 e non avesse più alcuna autorizzazione all’esercizio dell’attività commerciale. Ovviamente non era stato istituito alcun registro di carico e scarico dei rifiuti, tanto che la pattuglia intervenuta ha rinvenuto cumuli di scarti di lavorazione abbandonati sui terreni antistanti. Per non farsi mancare niente, il titolare utilizzava anche due dipendenti in nero, intenti a lavorare il marmo senza le dovute precauzioni.
Anche in quest’ultimo caso si è quindi proceduto al sequestro dei locali e delle attrezzature e alla denunce penale del responsabile dell’attività per la violazione delle norme del testo unico in materia ambientale, oltre all’irrogazione delle sanzioni amministrative per l’esercizio abusivo dell’attività.
Con questi ultimi risultati salgono a 62 le aziende sequestrate dalla Guardia di Finanza di Caserta per violazioni ambientali ed abusivismo commerciale a far data dal 2017, di cui ben 40 nel solo 2018. Complessivamente più di 80 i soggetti denunciati e decine i lavoratori in nero individuati.
Si è trattato per lo più di autocarrozzerie (15), calzaturifici (9), officine di autoriparazione (5), falegnamerie (5), laboratori di lavorazione del ferro (5) e siti di raccolta di rottami metallici (3), oltre a rivenditori di pneumatici, autolavaggi, autodemolitori, opifici per la lavorazione del pellame, rivenditori di abiti usati e, oggi, anche un marmista.
Gli interventi repressivi hanno interessato i seguenti Comuni con la frequenza riportata nella figura seguente:

Una fetta consistente di economia sommersa che alimenta un circuito economico illegale e che produce i suoi effetti danneggiando gli operatori onesti, il fisco e, non ultimo, l’ambiente in cui tutti i rifiuti speciali prodotti e gli scarti da lavorazione vengono dispersi senza alcuna precauzione.
La quotidiana azione di contrasto eseguita dai reparti territoriali della Guardia della Finanza della provincia di Caserta nei confronti dell’abusivismo commerciale, dell’evasione fiscale e del lavoro nero si associa così alla tutela dell’ambiente, per il contrasto all’illecito smaltimento dei rifiuti industriali, fenomeno che affligge l’intero territorio provinciale e soprattutto i comuni della c.d. “Terra dei Fuochi”.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.