Banner
Banner

Santa Maria C.V. “Educazione alla Legalità”, il protocollo di intesa di Santa Maria Capua Vetere diventa un progetto di livello nazionale

Protocollo Legalità 1Diecimila volti, ventuno partner, oltre 60 incontri e un grande risultato raggiunto: seminare la cultura della legalità nei fertili terreni delle scuole cittadine. Sono i numeri del protocollo di intesa stipulato dall’Amministrazione Mirra, nel luglio 2017, con altri venti partner quali la Curia Arcivescovile di Capua, il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università della Campania “Luigi Vanvitelli”, il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, la Procura della Repubblica, l’Ufficio di Sorveglianza di Santa Maria Capua Vetere, la Questura di Caserta con il commissariato della Polizia di Stato, il Gruppo Carabinieri Forestale di Caserta, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, la Sottosezione dell’Associazione Nazionale Magistrati, il Centro di Giustizia minorile, l’Ordine dei Dottori Commercialisti di Caserta, l’Asl Caserta con il Dipartimento Dipendenze e tutte le dirigenze degli istituti scolastici comprensivi e superiori della città.

Il percorso del primo protocollo di intesa si è formalmente concluso presso la Sala Consiliare del Comune con la presentazione del libro “I diecimila volti della legalità. Santa Maria Capua Vetere come modello di cooperazione istituzionale”, pubblicato grazie al contributo di tutti i protagonisti del progetto, dalle Istituzioni agli studenti, appunto quei diecimila volti che in questi quattro anni hanno seminato la cultura della legalità su temi di straordinaria importanza per le future generazioni, quali il bullismo e il cyberbullismo, le dipendenze dalle droghe, dall’alcol, dai giochi e, infine, le tematiche ambientali. Testimonianze, esperienze dirette ma anche i profondi valori di tale esperienza sono l’anima di questo libro che si pone quale risultato di uno straordinario investimento sui giovani per un futuro migliore per l’intera comunità cittadina.

L’incredibile successo di tale Protocollo di Intesa, sia in termini di partecipazione sia rispetto alle finalità perseguite, è stato tale da far riconoscere il “modello di Santa Maria Capua Vetere” quale esempio di cooperazione istituzionale a livello nazionale da parte dell’Associazione Nazionale Magistrati. Una notizia, accompagnata dallo scrosciante applauso di tutti i presenti in Sala Consiliare, che ha affermato ulteriormente il valore di un progetto fortemente voluto dall'Amministrazione Mirra.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.