Banner

Pignataro Maggiore. L'assessore Rossella Del Vecchio si dimette e crea un gruppo indipendente nel Consiglio comunale

IMG-20200907-WA0000

Sono momenti difficili quelli che sta vivendo la classe politica di Pignataro Maggiore, poiché l'Amministrazione Comunale si sta avviando verso la crisi. La maggioranza all'interno del parlamentino della cittadina casertana scricchiola soprattutto dopo un evento significativo come le dimissioni dell'assessore Rossella Del Vecchio. Quest'ultima alle elezioni del 2016 è stata la candidata che ha ottenuto il maggior numero di voti, diventando di fatto la prima eletta in Consiglio Comunale. Nell'ultimo periodo, la Del Vecchio ha avuto sempre maggiori dissapori con il Sindaco Giorgio Magliocca tanto da rassegnare le dimissioni dalla carica di assessore. Tuttavia, la Del Vecchio resterà in Consiglio Comunale dove ha l'intenzione di scatenare una vera e propria guerra contro il primo cittadino: il primo passo è stato la creazione di un gruppo consiliare indipendente mettendo sempre più con le spalle al muro la maggioranza. Inoltre, l'ex assessore ha affisso per le strade di Pignataro Maggiore un manifesto dove esprime tutto il proprio dissenso nei confronti di Magliocca. Le ragioni dei contrasti tra Rossella Del Vecchio e Giorgio Magliocca scaturiscono dalla mancata presa in considerazione del Sindaco di alcune proposte avanzate dalla consigliera. Come affermato in alcune dichiarazioni, la Del Vecchio ha affermato di aver rinunciato a parte dell'indennità per far racimolare al Comune il denaro necessario per organizzare delle iniziative socio-culturali. In aggiunta a ciò il Sindaco di Pignataro Maggiore, in quanto anche Presidente della Provincia di Caserta, fa parte del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza. La cosa che ha agitato lo scontro tra i due esponenti politici è l'accordo tra il Comitato enunciato poc'anzi e l'associazione culturale "La Felicità" in funzione anti-camorra: una cosa apparentemente normale se non per il fatto che alcuni membri dell'associazione siano legati al clan dei Lubrano. Insomma, la cittadina di Pignataro Maggiore sta subendo un vero e proprio putiferio: la consigliera Del Vecchio vuole a tutti i modi spingere Giorgio Magliocca a dimettersi dalla carica di Sindaco prima delle prossime elezioni amministrative che avverranno nel 2021. Magliocca ha già dichiarato la sua intenzione di non voler ri-candidarsi alle elezioni, ma rischia anche di non terminare nemmeno il primo mandato.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.