Ordinanza sulla prostituzione, accattonaggio e ubriachezza molesta: multe dai 300 ai 500 euro

Piazza dei Giudici - Politica

centore 8Il sindaco di Capua dott. Eduardo Centore ha emesso l'ordinanza n.36 del 6 settembre 2016 sancendo il divieto di esercitare l'attività di meretricio sulle strade, di accattonaggio, di mendicità, di questua e di ubriachezza molesta. Il Primo cittadino ha ritenuto opportuno emettere l'ordinanza: "premesso: che nonostante le numerose azioni di contrasto poste in essere dalle forze di Polizia dello Stato e dalla Polizia Municipale, il fenomeno della prostituzione su strada non accenna a diminuire; che altri fenomeni di degrado sociale sono costituiti dall'accattonaggio, la mendicità e l'ubrichezza molesta. Considerati gli effetti devastanti del fenomeno della prostituzione sulla sicurezza urbana, collegati ad episodi criminali legati al mondo dello sfruttamento, verificatisi sul territorio comunale, oggetto di grande attenzione da parte dei media a causa di particolare allarme sociale nella cittadinanza; valutate, inoltre, le conseguenze sulla sicurezza della circolazione stradale e soprattutto sulla pubblica incolumità, determinate dagli imprudenti e pericolosi comportamenti di quanti sono alla ricerca di prestazioni sessuali a pagamento, il cui fenomeno non accenna a diminuire, nonché dell'accattonaggio, mendicità ed ubriachezza molesta; valutato che quanto innanzi esposto comporta un aumento del senso di inisicurezza percepito dalla cittadinanza e, in concreto, offesa al decoro cittadino e al vivere civile sicuro".

 

E, viste tutte le leggi statali, i decreti ministeriali e di giunta comunale sulla tematica, ha deciso di adottare provvedimenti per contrastare i fenomeni descritti. Pertanto ordina: "Il divieto di negoziare ovvero concordare prestazioni sessuali a pagamento, oppure intrattenersi con soggetti che esercitano l'attività di meretricio su strada o che per l'atteggiamento, per l'abbigliamento ovvero per le modalità comportamentali manifestano comunque l'intenzione di esercitare l'attività consistente in prestazioni sessuali. Se l'interessato è a bordo di un veicolo la violazione si concretizza anche con la semplice fermata al fine di contattare il soggetto dedito alla prostituzione. Consentire la salita sul proprio veicolo di uno o più soggetti come sopra identificati costituisce palese violazione alla presente ordinanza. L'inosservanza comporterà l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500,00; il divieto di esercitare l'attività di accattonaggio, di mendicità e di questua. L'inosservanza comporterà l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di euro 300,00; il divieto di arrecare molestia alle persone a causa di stato di ebbrezza. L'inosservanza comporterà l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria di euro 500,00". Insomma un giro di vite nel tentativo di arginare i fenomeni in oggetto che, come dice la stessa ordinanza, ultimamente sono in crescita. Si è disposto che il locale Comando di Polizia municipale provveda alla notifica e all'esecuzione del provvedimento in collaborazione con le Forze di Polizia dello Stato.

 

ordinanza sindacale n36 1

 

ordinanza sindacale n36 2

 

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.