Questione debito: Villani risponde all'opposizione. Ci chiediamo: nel 2006 quant'era il debito?

Piazza dei Giudici - Politica

VILLANI MAURIZIOIl presidente di Capua 3 Luglio, Maurizio Villani, ha voluto replicare a quanti sostengono la mancanza di responsabilità della passata amministrazione sulla questione debiti del Comune di Capua. Come sappiamo, esistono due versioni, una portata avanti da alcuni consiglieri appartenenti all'ex maggioranza secondo cui nel 2006, al momento dell'insediamento dell'amministrazione Antropoli, già esisteva un debito rilevante di circa 17 milioni, l'altra portata avanti dai consiglieri dell'attuale maggioranza secondo cui il debito, al momento dell'insediamento di Antropoli, fosse di poco superiore ai 5 milioni di euro. Nessuno finora ci ha fornito un documento ufficiale che attesta l'ammontare esatto del debito del Comune nel maggio 2006. Però, anche nel caso fosse stato di 17 milioni nel maggio 2006, mel 2012, quando fu chiesto il dissesto finanziario, è cosa certa che la cifra fosse di poco superiore ai 24 milioni di euro.

 

"Il bilancio dell'amministrazione Antropoli nel 2012 ha un buco di circa 25 milioni di euro. La Commissione Ministeriale nominata per gestire il dissesto aderisce alla procedura semplificata, prevista dalla legge, e paga (o meglio pagherà) il 40% del debito. Nella cassa del dissesto c'è circa 1 milione e mezzo di euro; il Comune si deve indebitare per quasi 8 milioni di euro per 20 anni evitando così di svendere il patrimonio comunale; i fornitori del Comune ci rimettono oltre 15 milioni di euro. In pratica un disastro. Se sono conti in regola questi... Questo è il succo in poche righe. Se ne avete voglia, potete continuare la lettura per verificare che questi numeri sono certificati da atti ufficiali (consultabili sul sito del Comune di Capua).

 

Dopo il voto sul riequilibrio del bilancio dell'altro giorno qualcuno ha scritto che i conti del Comune di Capua sono in regola. E' vero i conti della cassa corrente sono in regola poiché, dal 2013, a seguito del dissesto, la cassa è partita in sostanza da zero e il bilancio annuale deve chiudersi in equilibrio essendo l'ente sotto stretta vigilanza della Corte dei Conti. Ma un comune in dissesto ha due casse. Oltre a quella corrente c'è quella del dissesto, di competenza della Commissione Ministeriale. Vediamo i numeri di questa cassa.

 

Il 28 agosto del 2013, dopo 8 anni di amministrazione Antropoli (8 anni non 8 mesi giusto per chiarire di chi è la colpa) con delibera n.40 il Consiglio Comunale ha dichiarato dissesto finanziario. Il 3 dicembre dello stesso anno è stata nominata la Commissione Ministeriale (OSL). Con delibera n.57 del 10.11.2015 la Commissione ha registrato istanze di ammissione alla massa passiva per un importo di 27.986.512,11 di euro, certificando, dopo successive verifiche, una massa passiva di 24.078.453,75 di euro. Con circa 24 milioni di debiti contratti dall'amministrazione Antropoli, la Commissione Ministeriale non ha potuto far altro che aderire alla procedura semplificata, proponendo di pagare al 40% i creditori. Solo per effetto di questo la massa passiva è scesa a 9.781.381,50 di euro.

 

 

Con delibera n. 156 del 9.12.2015 la Giunta Antropoli aderisce alla proposta di procedura semplificata (e ci credo, il 60% dei debiti se lo accollano i poveri fornitori). Nella delibera scrivono che in cassa ci sono pochi spiccioli e bisogna vendere i beni comunali per far fronte ai debiti. Il 24 maggio 2016 (siamo alla vigilia delle elezioni), con delibera n. 130, la Commissione Ministeriale richiama l'amministrazione sulle evidenti incongruità riportate nella delibera di adesione. Il 26 luglio 2016 con delibera n. 41, il nuovo Consiglio Comunale chiede al Fondo ordinario di finanziamento degli enti un "prestito" di 7.601.793,43 di euro per far fronte all'estinzione dei debiti in tempi certi ed evitare la vendita dei beni" - ha affermato Maurizio Villani.

 

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.