-Patto Civico- Ecco il documento finale delle associazioni/movimenti e forze politiche di Capua

Piazza dei Giudici - Politica

 

comuneLa città di Capua versa in condizioni gravissime. L’amministrazione Comunale in carica ha clamorosamente fallito. Eppure, in Consiglio, godeva di un ampio consenso che da solo, però, non basta. Le coalizioni politiche si costruiscono sulla base di una condivisione progettuale che sia capace di disegnare il destino futuro della città, che non risponde al singolo interesse ma a quello collettivo dei cittadini e che sia capace di elaborare un programma amministrativo, nel solco dell’idea progettuale, serio, rigoroso e realizzabile. Tutto ciò è stato completamente estraneo a quest’amministrazione totalmente incapace di governare la città di Capua. Quest’amministrazione sarà ricordata per aver condotto il Comune di Capua in dissesto economico-finanziario, per non avere approvato il Piano Urbanistico (sebbene abbia sperperato fior di quattrini per farlo elaborare), per il tentativo (che riporta alla mente la “fontana di Trevi” di Totò) di voler vendere terreni non di sua proprietà, per la scellerata cocciutaggine nel voler installare un inceneritore inutile quanto dannoso, per il totale fallimento di ogni politica ambientale e della raccolta dei rifiuti (peraltro pagata a caro prezzo dai cittadini), per lo scempio ambientale di quella bomba ecologica dell’ ex CAPS, propedeutico ad un’altra speculazione edilizia, per il dannoso ritorno della IAP con le sue attività inique e vessatorie, per aver avviato un piano di svendita dei beni comunali ai privati (tra cui Palazzo Fazio, sede dell’ass. CAPUANOVA e il Palazzo della Gran Guardia, sede della Pro Loco). E potremmo continuare ancora.
La città sa bene, inoltre, che non potremo contrarre mutui a causa della situazione di dissesto provocato da una gestione vergognosa, scellerata, saccente e supponente delle finanze pubbliche. Le nefandezze di quest’amministrazione comunale sono suffragate dai fatti che testimoniano questo triste stato dell’arte.

 

Di fronte a questo disastroso scenario sarebbe stato ingenuo pensare, come già detto, che un’alleanza tra le forze che contestano quest’amministrazione, unite dal solo collante dell’ essere “contro, sarebbe stata sufficiente; forse ci avrebbe permesso di vincere le elezioni ma non di essere in grado per governare per i prossimi cinque anni. Con questa consapevolezza si è concordato, allora,di dare, giustamente, la priorità ai contenuti progettuali e programmatici e verificare se esistesse, su di essi, un sentire comune.
Per questo, va preso atto del lavoro svolto sinora dai Consiglieri di opposizione, finalizzato, da un lato, all’elaborazione di proposte concrete ed alternative e, spesso, unitarie, dall’altro, dello svolgimento puntuale del compito loro affidato e, cioè, di coordinare in modo efficace gli incontri con e tra le associazioni, i movimenti e le forze politiche, protesi alla più ampia condivisione in termini politici e di obiettivi progettuali e programmatico-amministrativo.

 

Questo lavoro ha generato, in un primo momento tra le forze civiche, in una forte condivisione d’intenti, un patto civico aperto che, successivamente, è stato rafforzato dal contributo delle forze politiche di centro sinistra che, già autonomamente tra loro, avevano condiviso le stesse idee progettuali definite nel patto civico.

 

Al primo punto, la collocazione e il ruolo della nostra Città nel contesto territoriale.
Capua è stata per secoli riferimento politico, sociale ed economico di Castel Volturno e del suo litorale;
è stata ritenuta Regina dei Mazzoni, pur essendo limitrofa a quei territori, e Regina del Volturno, faro per i paesi della zona bassa del fiume.
Capua, città d’arte e di studi, è in questo contesto territoriale che deve riappropriarsi della propria storia ed in sinergia con gli altri Comuni della zona rivendicare un ruolo da protagonista in ambito regionale.

 

Al secondo, il risanamento finanziario dell’Ente anche attraverso una sana e corretta gestione delle poche risorse disponibili utilizzandole non per dare risposte a singole richieste, spesso clientelari, ma nell’interesse collettivo. Pur consapevoli che, a causa del dissesto, non sarà possibile abbassare il livello della tassazione si profonderà il massimo impegno per garantire maggiore equità e che ogni centesimo versato dai cittadini ritornerà, concretamente, ad essi in termini di servizi.

 

Al terzo, un PUC che preveda:
Cemento Zero (no a nuove edificazioni ma delocalizzazioni delle volumetrie da una zona all’altra);
recupero, ristrutturazione, riorganizzazione e conseguente ripopolamento del Centro Storico;
azzeri le distanze tra centro e periferie, potenziandone, anche, i servizi; nuovo piano della mobilità ecc.

 

Al quarto, Ambiente e gestione dei rifiuti
attraverso la bonifica e il risanamento del territorio da ogni presenza di amianto e di ogni possibile rifiuto tossico e/o comunque dannoso alla salute dei cittadini;
un nuovo piano per i rifiuti basato sui seguenti e principali punti:
1. Separazione alla sorgente.
2. Raccolta domiciliare .
3. Compostaggio.
4. Avvio a riciclo.
5. Iniziative di riduzione a monte.
6. Riutilizzo e Riparazione.
7. Incentivi economici con adeguamento tariffario .
8. Recupero dei rifiuti.
9. Separazione del residuo .

In coerenza con i suddetti punti progettuali, si inizierà da subito a lavorare ad un programma coerente e condiviso.

 

Tutte le forze civiche e politiche che hanno condiviso questo percorso saranno, immediatamente dopo, impegnate nella definizione dei criteri per l’individuazione di un comune candidato sindaco, garante, non solo, di ogni componente della coalizione ma, soprattutto, degli impegni progettuali e programmatici e della squadra amministrativa.
Nella consapevolezza della grande responsabilità che abbiamo individualmente e collettivamente siamo impegnati ad offrire, quanto prima, una forte e credibile proposta di governo della città sperando sia accolta favorevolmente dai cittadini e possa determinare il riscatto e il rilancio della nostra Capua.

 

Terra Libera - Capua Bene Comune – ORA - Capua 3 Luglio – Socialisti e Democratici per Terra di Lavoro – Capua Nostra – Capua nel Cuore –La Ninfa – Giallo Capua – La Locomotiva
Partito Democratico – Sinistra Ecologia Libertà – PRC-Sinistra Europea - Partito Socialista Italiano

 

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.