Capua. Agenzie e finanze, l’affondo del Nuovo Centro Destra

Piazza dei Giudici - Politica

comunedicapua“Sulle finanze la musica dell’amministrazione è sempre la stessa”. E’ il commento critico del consigliere di opposizione Antonio Minoja sull’indirizzo politico l’amministrazione comunale sta dando al comparto finanziario. “Il dissesto - afferma – non è servito da lezione ai nostri amministratori che continuano, specialmente in alcuni settori, come quello dei rifiuti a spendere risorse importanti. In altri settori, invece, sono stati operati tagli drastici con conseguenze negative per i servizi ai cittadini. Oggi a Capua non esiste il trasporto scolastico. Eppure si tratta di un servizio che, coinvolgendo altre istituzioni, poteva comunque essere assicurato”.

 

MUSEO, ACAGE E AGISACC
L’attenzione dell’esponente del Nuovo Centro Destra è focalizzato, in modo particolare, sulle agenzie del Comune. “Acage, Agisac e Muse d’Arte – afferma – potrebbero portare in dote all’ente altri debiti fuori bilancio. L’amministrazione, purtroppo, non ha il coraggio di prendere l’unica decisione possibile, quella di scioglierli. Si tratta di strutture che negli anni, oltre a problemi di diversa natura, anche di carattere giudiziario come nel caso del Mac, hanno accumulato una serie di debiti che con molta probabilità andranno a gravare sull’ente. Se a tutto questo aggiungiamo che non tutti i bilanci di questi enti, così come le procedure di gestione e trasparenza degli atti, non sembrano essere in ordine, i risultati non possono che essere negativi”. Minoja auspica “una presa di coscienza” da parte dei consiglieri di maggioranza nei confronti queste problematiche “per evitare – afferma – ulteriori problemi al Comune”.

 

DEBITI CONSORZIO
Quando si apre il capitolo delle finanze è inevitabile affrontare quello relativo ai debiti che il Comune ha nei confronti del Consorzio Unico di Bacino. “Nei bilanci – afferma Minoja – non trovo traccia dei 6 milioni di euro che il Comune deve al Cub. E’ vero che c’è un contenzioso in atto, nel quale peraltro il Comune ha già perso al Tar e al Consiglio di Stato, ma questi soldi devono comunque entrare a far parte del bilancio perché si tratta delle entrate di una tassa di scopo, la tarsu, che i cittadini hanno pagato, anche in diverse modalità, fino al 2008, ultimo anno in cui il Comune ha fatto parte del Cub”.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.