CAPUA. Regolamento tassa rifiuti, NCD: "senza agevolazioni, iniquo ed irregolare”

Piazza dei Giudici - Politica

MINOJA ANTONIO"Quello della TARI è regolamento senza agevolazioni, iniquo ed irregolare". E' quanto sostiene il nuovo centro destra attraverso che prende posizione sulla tassa relativa ai rifiuti di cui i cittadini sono chiamati a "saldare" il conto relativo all'anno 2014. "Il regolamento Tari approvato dalla maggioranza in consiglio comunale, nonostante le numerose segnalazioni di errori ed incongruità sollevate dall'opposizione – afferma il coordinatore e capogruppo NCD Antonio Minoja - registra limiti e iniquità e secondo noi alcune irregolarità". Non mancano critiche ai colleghi della maggioranza che hanno dato il via libera al regolamento in consiglio. "Purtroppo - aggiunge - nessun consigliere di maggioranza ha approfondito la proposta prima di votarla ed ora qualcuno tenta di giustificarsi con il solito "non sapevo". La domanda, sorge spontanea, ma si può non sapere cosa si vota? E se è così non è ancora più grave votare delibere tariffarie che incidono nelle tasche dei propri concittadini? Probabilmente per i consiglieri di maggioranza e per gli assessori le tasche dei cittadini non sono connesse con quelle dell'Ente e soprattutto con le loro". Ai comuni, come sottolinea il Nuovo Centro Destra i sono dati ampi poteri sulle agevolazioni fiscali per il tributo sui rifiuti. Le amministrazioni locali, infatti, hanno un'ampia facoltà di stabilire riduzioni ed esenzioni senza limiti, importante è senz'altro quella che consente di tener conto anche della situazione familiare dei contribuenti soggetti a prelievo, a questi si aggiunge poi, l'agevolazione mirata ai soggetti meno abbienti che hanno una ridotta capacità contributiva, misurata anche attraverso l'ISEE; il comma 682 contempla tra i beneficiari della agevolazioni Tari anche le famiglie a basso reddito. Tra le riduzioni facoltative: (eliminato il limite massimo del 30%previsto per la Tares): Abitazione unico occupante; Abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o altro uso limitato e discontinuo; Locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibita ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente; Fabbricati rurali ad uso abitativo. Tra le riduzioni obbligatorie c'è quella relativa alla raccolta differenziata per le utenze domestiche. In pratica, sostiene l'Ncd, anche la percentuale di raccolta differenziata raggiunta, anche se non è quella minima prevista per legge, deve concorrere all'abbattimento del costo finale sugli utenti. "Tutto ciò - conclude Minoja - non è stato previsto dal regolamento approvato dalla maggioranza inoltre appaiono poco chiare alcune voci relative ai costi ed alle entrate di gestione e dimostrazione della percentuale di copertura del servizio degli esercizi precedenti. Insomma se la fretta è una cattiva consigliera i consiglieri di maggioranza non sono da meno, visto la fretta con la quale hanno approvato il regolamento Tari".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.