Capua. Anche noi diciamo "NO AL GASSIFICATORE"

Piazza dei Giudici - Politica

 

buglione fabio Sull'imminente consiglio comunale che dovrà discutere la proposta di ritiro degli atti relativi al gassificatore si registra l'intervento del  gruppo consiliare dell'Udc.

"Su scelte che possono condizionare, in maniera determinante e definitiva, lo sviluppo e il futuro di un intero territorio, con il relativo interessamento della popolazione, talvolta è giusto fermarsi e riflettere in maniera concreta, sulla decisione da prendere". E' quanto affermano i consiglieri comunali Fabio Buglione e Gaetano Caputo. "Il nostro territorio - affermano - da anni ha pagato sulla propria pelle le continue omissioni, inadempienze e infiltrazioni criminogene sulle politiche dei rifiuti, determinando una devastazione ambientale e il biocidio della nostra terra. Come gruppo consiliare dell’UDC, non siamo contrari in assoluto alla realizzazione di impianti, in quanto è indubbio che un sistema basato esclusivamente sulle potenzialità delle discariche risulta ad oggi essere limitativo ed insufficiente. Ma da qui ad essere d’accordo con la realizzazione sul nostro territorio di un impianto “Gassificatore”, senza i dovuti presupposti, che ad oggi è evidente manchino per l’assenza di una visione strategica complessiva, onestamente ce ne passa. Non è possibile schiaffeggiare migliaia di cittadini, che in più battute hanno manifestato il dissenso, promuovendo anche valide politiche alternative, avallate anche dal consenso di esperti. caputo gaetano

Diciamoci la verità :sembra quasi paradossale che un impianto del genere possa sorgere sul nostro territorio!! Il nostro Comune si è distinto per una sequenza di risultati più che negativi proprio nella gestione del settore rifiuti della città, ne elenchiamo alcuni giusto per rendere l’idea: Non è riuscito a raggiungere gli obiettivi minimi di raccolta differenziata causando il commissariamento del settore. Contro ogni normativa ha provveduto ad affidare il servizio in modo diretto, senza l’espletamento di una regolare gara, ad alcune ditte del settore rifiuti per più di 20 mesi. ha utilizzato il settore come ammortizzatore sociale causando un incremento della tassa sui rifiuti senza precedenti(vedi bollette).
Paradossale e preoccupante è anche che il consigliere delegato, fino a qualche tempo fa principale sostenitore della realizzazione dell’impianto insieme al Sindaco, abbia avuto recenti ripensamenti.
Insomma la tristezza è che oggi si pensa ancora di poter continuare ad agire con interventi a macchia di leopardo, senza una visione d’insieme, senza una programmazione, senza capire bene cosa fare degli stir, cosa fare degli impianti di compostaggio, cosa fare delle migliaia di eco-balle che occupano ed avvelenano l’intera regione.
Non è questo, secondo noi, il metodo con cui affrontare una questione cosi importante e strategica per lo sviluppo e per la qualità della vita di questo territorio. Purtroppo senza un idea globale, senza una pianificazione strategica del ciclo dei rifiuti, la scelta dell’impianto di Capua resta lontana anni luce da ogni logica di gestione corretta del territorio e per questo ci vede nettamente contrari".

 

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.