Parcheggi, Capuanostra chiede la "ridiscussione" delle concessioni

Piazza dei Giudici - Politica

capuanostra il logoSul tema dei parcheggi interviene anche il Movimento Capuanostra che chiede all'amministrazione di trovare le soluzioni attraverso un tavolo di confronto con le associazioni di cittadini e dei commercianti.

"Sul tavolo - afferma il portavoce Nicola Scalera - ci siano i contratti e le "concessioni" verso le ditte appaltatrici, il risultato del confronto sia la ridefinizione delle regole di gestione che penalizzano pesantemente la città. In particolare che si proceda alla ridiscussione delle regole "pattuite" con i gestori e concessionari prevedendo l'apertura delle aree a parcheggio 24 ore su 24 e consentendo le soste ai residenti e ai commercianti anche dove sussistono aree stradali con strisce blu. I fatti: la Delibera che modificava la mappa dei parcheggi a pagamento era del 20 Febbraio ma, per oltre un mese, in città nulla era cambiato nella colorazione delle strisce stradali. Per oltre un mese, cioè, la città aveva vissuto nella strana situazione di automobilisti che continuavano a pagare dove l'ordinanza stabiliva la sosta gratuita mentre altri parcheggiavano tranquilli in zone dove teoricamente avrebbero dovuto pagare. Storia di ordinaria improvvisazione? Non è la prima, e di certo non sarà neanche l'ultima. In questi giorni si sta provvedendo al riordino della situazione e si sollevano le proteste di quanti vedono comparire le strisce blu delle soste a pagamento sotto casa o davanti al proprio esercizio commerciale. Nel periodo del caos Capuanostra non ha puntato il dito, né sollevato polemiche, e così oggi andiamo oltre l'istintiva e legittima protesta dei cittadini. Analizziamo quindi il tema parcheggi in un'ottica più ampia e nel suo complesso. Da anni sollecitiamo la necessità di fare chiarezza nella gestione "cittadina" del Project Financing. I parcheggi, sia quelli stradali che le aree chiuse, sono l'esempio più lampante di come i "progetti di finanza", attraverso i quali un imprenditore privato realizza un'opera pubblica, nella nostra città si traducono purtroppo in un danno per il cittadino. Il neo di tutto il processo sta nel controllo del progetto e nelle regole di gestione "pattuite" dall'amministratore con l'imprenditore all'inizio dei tempi. Facciamo degli esempi: è difficile pensare che sia a favore dei cittadini una gestione di parcheggio come quella attuale di Piazza Umberto, dove si chiude alle ore 18 e dove si pretenderebbe di fare abbonamenti ai cittadini residenti che dovrebbero poi portare altrove la loro auto per la sosta notturna. E, peggio ancora, è difficile pensare che sia al servizio della città la vasta area di spianata Olivares, dove le sbarre del parcheggio restano serrate, oltre che di notte anche per tutto il fine settimana. La stessa "disattenzione" si è verificata anche per le soste stradali dove, per rispettare oggi le regole "pattuite" con la ditta concessionaria e per garantire il numero di posti a pagamento si vanno a disegnare strisce blu anche lungo i naturali corsi di scorrimento del traffico. Si restringe così fittiziamente la carreggiata con grave pericolo sia per chi vi sosta che per chi la percorre: si è fatto così a porta Napoli mesi fa, si sta facendo così Fuori Porta Roma in questi giorni"

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.