Comunicato Stampa: Acluni chiarimenti politici di Antonio Gucchierato

Piazza dei Giudici - Politica

Nella seduta dei capigruppo consiliari del 9 agosto u.s., indetta per la convocazione del consiglio comunale per esaminare la proposta di dichiarazione di dissesto finanziario, la maggioranza proponeva il 28 agosto sostenendo che quella fosse l’ultima data possibile, cioè 30 giorni dalla presentazione della relazione del responsabile del Servizio Economico e Finanziario. Avendo manifestato da subito le mie perplessità su una scelta che ritenevo affrettata ed inadeguata, anche in considerazione che non tutta la documentazione necessaria era al momento disponibile, proponevo di verificare la possibilità di differire la convocazione agli inizi di settembre data che, visto anche la concomitanza con il periodo feriale, rispondeva alla necessità che i consiglieri avevano di approfondire lo studio della documentazione relativa ad un atto così importante per la vita della città; inoltre si favoriva la possibilità di partecipazione dei cittadini alla seduta consiliare. Ritenendo che i 30 giorni partissero da quando ogni singolo consigliere avesse acquisita la documentazione, chiesi di consultare telefonicamente il Segretario Generale pro tempore che confermava la possibilità di arrivare a settembre. Tuttavia la maggioranza nel ritenere insufficiente il parere telefonico chiedeva, comunque, di ufficializzare la data del 28 in attesa che il suddetto parere fosse codificato per iscritto. A nulla valsero varie mie proposte tendenti a superare le difficoltà. Purtroppo, dato che per qualsiasi altra data la maggioranza sosteneva che i suoi consiglieri erano in ferie, la minoranza abbandonò la seduta determinando la mancanza del numero legale.
Dopo colloqui telefonici serali, nonostante tutto, diedi la mia disponibilità ad un’ulteriore conferenza dei capigruppo per il 12 agosto convinto che, acquisito il parere scritto del Segretario Generale, si sarebbe decisa una data congrua nella prima settimana di settembre.
Purtroppo, a causa di un malore, non ho partecipato alla seduta nella quale la maggioranza, senza nemmeno aver acquisito il suddetto parere e con un colpo di mano, decideva di convocare il consiglio per il 23 agosto in prima seduta e per il 28 agosto in seconda.
Cosa c’è dietro queste forzature? Cosa spinge la maggioranza a cambiare le carte in tavola? Perché non si vuole dare il giusto tempo ai consiglieri ed ai partiti di approfondire la conoscenza delle documentazioni?
Ho sempre sostenuto che ogni volta che si richiede l’intervento di altre istituzioni la politica subisce una sconfitta.
Rifichi la necePurtroppo questa volta l’amarezza per quanto accaduto mi ha convinto a sottoscrivere, con altri consiglieri, una richiesta di audizione da parte del Prefetto.
Spero sempre che sia l’ultima volte che se ne verifichi la necessità.
Antonio Gucchierato – Consigliere del Centrosinistra

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.