Banner

Capua. Città delle “Strade della Vergogna”. Barresi: “L’amministrazione comunale ponga fine ai pericoli e disagi”.

Piazza dei Giudici - Politica

barresi bucheA Capua, le buche alte diversi centimetri rendono da tempo la vita difficile a residenti e non.
In questi giorni, il problema è ulteriormente cresciuto, con danni e proteste dei cittadini all’indirizzo dell’amministrazione comunale che, sinora, si è mostrata assente ed inefficiente.
Sull’argomento è intervenuto l’Avv. Roberto Barresi, esponente politico del movimento civico “Insieme per Capua”, il quale ha osservato: “Le strade della città sono delle groviere con buche profonde e gli automobilisti costretti a fare dei veri slalom per evitarle con la conseguenza di provocare incidenti stradali e investimenti di pedoni.
Oltretutto, con le abbondanti piogge, le buche sono invisibili perché si riempiono di acqua e quindi i danni alle auto sono consistenti.
Ciò rappresenta un vero e proprio grave pericolo alla pubblica incolumità ed alla sicurezza stradale.
Una problematica che, invece di essere prontamente risolta è invece tristemente, in qualche caso culminata con la chiusura al traffico di strade cittadine, operata dalla locale Polizia Municipale, senza che, nel contempo, venissero effettuati lavori di sistemazione e ripristino dell’asfalto, letteralmente sbriciolato e privo di adeguata manutenzione.
Ciò desta indignazione, delusione e amarezza. Ma non solo. Le migliaia di cittadini Capuani e non, pedoni, ciclisti ed automobilisti che in questi giorni hanno sottolineato come la situazione di dissesto delle strade Capuane non deve finire con la semplice denuncia delle buche e delle loro conseguenze, ma andare oltre, individuando le precise responsabilità dell’amministrazione comunale per mancata manutenzione delle strade pubbliche .
Anche dalla frazione di S. Angelo in Formis – ha proseguito l’esponente civico - sono arrivate numerose segnalazioni da parte di numerosi cittadini che utenti hanno anche voluto documentare attraverso qualche scatto lo stato di degrado delle strade che, ormai, sono dei veri e propri “percorsi della vergogna”.
La responsabilità del Comune, infatti sussiste ai sensi dell’articolo 2051 del codice civile e, pertanto opera una presunzione di responsabilità a carico dell’ente pubblico. Trattandosi di strade urbane, è evidente il dovere di un continuo ed efficace controllo e di una costante vigilanza e manutenzione, da parte del Comune stesso.
Così come vi è la concreta possibilità che l’amministrazione venga chiamata a rispondere all’autorità giudiziaria, del proprio comportamento omissivo, che tanti danni cagiona alla collettività.
In molte città del terzo mondo la situazione è migliore. E' una questione di cultura. In un paese civile dovrebbe essere così ma, forse questa sciagurata amministrazione comunale che malgoverna Capua aspetta la disgrazia per intervenire!!!
Accelerare il pronto intervento sul manto stradale per evitare spiacevoli situazioni e ulteriori richieste di risarcimento che si andrebbero ad aggiungere alle centinaia già prodotte dai cittadini danneggiati è quanto chiede a voce forte ed a mano ferma il movimento politico civico “Insieme per Capua”, del quale mi onoro di fare parte.
Purtroppo però – ha concluso Barresi - dobbiamo sottolineare con amarezza che a tutt’oggi i rappresentanti dell’amministrazione comunale hanno mostrato disinteresse alle questioni di primaria evidenza, riguardanti il territorio, nonché assoluta incapacità di risolvere i problemi dei Rioni, delle periferie e della frazione di S. Angelo in Formis e questo alimenta sempre più il malcontento tra i cittadini, anche nei confronti delle forze politiche di minoranza, i cui rappresentanti svolgono azioni incerte, sbiadite e di pura facciata”.

Banner
 

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.