Banner

Capua. M5S: noi non siamo la stampella di nessuno!

Piazza dei Giudici - Politica

caiazzo-miccolupi"Le assurdità che si stanno raccontando sul nostro conto in queste ultime giornate rasentano il ridicolo. Sono partiti pettegolezzi infondati con un Consiglio Comunale ancora in corso e stanno continuando arrampicandosi sugli specchi.
Ci sono, addirittura, commenti di chi afferma che alle 9 del mattino mancava il numero legale (il Consiglio Comunale era convocato a quell’ora). Ci sono stati problemi tecnici che si sono risolti con l’invio di una seconda PEC a tutti noi consiglieri, quindi compresa la restante opposizione. Il centro destra non si è collegato; l’intenzione forse era quella di far saltare la seduta contando su ulteriori assenze in maggioranza che non ci sono state. Eppure fino alla sera prima la Consigliera Nocerino doveva fungere da Vice Presidente, si è anche istruita per svolgere tale ruolo…e poi il mattino seguente, guarda un po’, arriva il certificato medico. Intanto additano noi per quelli che “ciò che si decide la sera non vale la mattina”. Si stanno già preparando per la prossima campagna elettorale dove si vedrebbero favoriti?
È ovvio che se c’è il rischio di andare a casa la maggioranza si assicura il proprio numero legale. È un concetto difficile per alcuni? Quale Consiglio Comunale fino ad ora è partito in orario? E quale Commissione? Da un anno a questa parte abbiamo capito che per nessuno sul Comune la puntualità è il loro forte, se la son presa sempre tutti comodamente. I problemi tecnici sorgono se uno si sta cimentando in un nuovo strumento istituzionale, messo a disposizione dall’ASMEL. Non potevamo certo rischiare la nostra incolumità, a causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid che sta aggredendo anche la nostra comunità. Già solo questo doveva far nascere il senso di dovere in qualità di istituzione pubblica.
Facciamo un passo indietro spiegando come sono andati i fatti.
Per lo scorso 4 novembre era stato convocato il Consiglio Comunale. In considerazione dell’aumento dei casi Covid nella nostra città abbiamo richiesto di procedere in videoconferenza, possibilità offerta dal nostro Governo nel Decreto Cura Italia. La comunicazione è stata inviata per conoscenza ai capigruppo di minoranza e maggioranza; la restante opposizione, ritenuta fondata e giusta tale richiesta, ha proceduto anch’essa a farne istanza. Nascono, quindi, spontanee due domande. Perché la restante opposizione fa richiesta se non ha intenzione di presentarsi? Perché insistere in conferenza capigruppo per fare inserire all'ordine del giorno la “Mozione sull’Azzeramento della Giunta” per poi non presentarsi? Nonostante tutto hanno criticato noi che abbiamo presenziato al Consiglio Comunale dove IL NUMERO LEGALE LA MAGGIORANZA L'AVEVA A PRESCINDERE. La nostra presenza o assenza non avrebbe cambiato nulla. A questo punto, per il nostro senso di responsabilità abbiamo presenziato; perché non avremmo dovuto? Ci hanno accusati addirittura di aver anche retto il numero legale nella conferenza dei capigruppo. Come detto in precedenza nessuna Commissione è mai partita in orario. Fortunatamente, sia per i Consigli Comunali sia per le Commissioni, parlano i verbali. Che si faccia accesso agli atti. Mancano le argomentazioni e pur di attaccare ci si appiglia su qualcosa. Dulcis in fundo, ieri pomeriggio era prevista la Commissione Trasparenza e Garanzia ma qualcuno della restante opposizione ha fatto saltare la seduta. In quella seduta il Consigliere Caiazzo, in qualità di membro della commissione e soprattutto per una questione di trasparenza, aveva l’intenzione di discutere anche del quorum sia della conferenza, sia del consiglio comunale. CENTRO DESTRA ASSENTE. A noi è ben chiaro il nostro ruolo. L’opposizione si fa soprattutto in Consiglio Comunale. In questo Consiglio Comunale, uno dei punti all’ordine del giorno che si sarebbe discusso riguardava la loro mozione che noi, come già ribadito in un nostro precedente post, appoggiamo. NOI PRESENTI E CHI L’HA PROTOCOLLATA ASSENTE. Questa è INCOERENZA. Nonostante tutto abbiamo fatto mettere a verbale che la mozione che si sarebbe discussa nella prossima seduta.
Passiamo ora all'Avv. Barresi. Non ci abbassiamo certo alla sua dialettica di una pochezza impressionante, riportiamo solo gli insulti che ha elargito nel suo “colorito comunicato”, precisamente “personaggetti" ed “inutili idioti neosostenitori del branco di incapaci”. Questi termini sono stati utilizzati per descrivere la sua fantasiosa versione basata sul chiacchiericcio senza accertarsi minimamente. Un avvocato non necessita di prove per intentare un'accusa? Giusto! Lui si sente la voce forte dell’opposizione; qualcuno lo avvisi che non ne fa parte e che in politica ha già dato. Pensiamo che siano solo sussulti per aver visibilità.
Oltre a dire che la nostra presenza ha validato la seduta, ha addirittura affermato che noi non abbiamo sostenuto la mozione. Noi non siamo stati coinvolti dalla restante opposizione. Questo è il modo per cercare consensi? Raccontando fandonie? Cercando di screditarci? Restiamo basiti.
Consigliamo e confidiamo nel beneficio del dubbio dei nostri simpatizzanti; lasciarsi plagiare da queste fandonie significa fare il loro gioco: DENIGRARE NOI PORTAVOCE ED IL M5S.
Il nostro operato è nell’esclusivo interesse della collettività.
NOI SIAMO OPPOSIZIONE E TALE RESTEREMO, così cogliamo anche l'occasione per smentire un'altra voce che circola, cioè del nostro passaggio in maggioranza.
CHE SIA BEN CHIARO: NON SIAMO LA STAMPELLA DI NESSUNO!
TUTTO IL RESTO È SOLO UN ATTACCO PER CONTINUARE LA MACCHINA DEL FANGO ATTIVATA DA TEMPO."


Gruppo Consiliare M5S
Roberto Caiazzo
Nunzia Miccolupi

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.