Muro ex Caserma Pianelli: la proposta di un cittadino all'Amministrazione comunale

via palascianoGentile Direttore, leggo dalle Vostre pagine dell'ennesimo legittimo richiamo del nostro Sindaco alla Sovrintendenza dei Beni Culturali di Caserta circa la messa in sicurezza dei ruderi della Caserma Pianelli che cingono il locale Liceo Pizzi. Quella che sto per fare è una domanda che mi pongo fin da quando ero ragazzo ed ora la rivolgo a Lei ed ai Nostri Amministratori: è possibile che non esista una procedura che svincoli questi ruderi dalla gestione della Sovrintendenza?
Non mi sembra che quello che resta della caserma sia configurabile come un monumento e quindi per tale motivo da tutelare. Se così fosse tutto quello che si è fatto nel passato mi sembrerebbe una contraddizione in termini. Negli anni si è proceduto a costruire un edificio scolastico (in stile moderno) e, non contenti di ciò, altre depandance allo stesso come il locale asilo infantile.
Non conosco, ahimè, la storia di questa caserma (che comunque non credo risalga ad epoche particolarmente lontane ), ma a me non sembra che essa sia un "monumento" che a Capua si faccia notare, se non per lo stato di abbandono in cui essa versa. Del resto non è possibile recuperarla ad uso pubblico per ovvi motivi così come si è fatto in modo esemplare per l'adiacente caserma Pepe attualmente sede della Compagnia dei Carabinieri. Lancio pertanto una proposta all'Amministrazione: impegnarsi a che questi ruderi siano svincolati dalla tutela della Sovrintendenza. In questo modo si potrebbero abbattere le mura pericolanti cingendo l'intera area con una bella recinzione in ferro battuto, salvando magari il basamento in pietra delle vecchie rovine. In questo modo l'intera zona risulterebbe più ariosa e non tetra e pericolosa come oggi appare, più sicura per i pedoni/studenti che percorrono il marciapiede adiacente al Liceo e si risparmierebbero soldi per i ripetuti interventi di messa in sicurezza. Credo che questo sia un progetto per cui valga veramente la pena di impegnarsi. Ovviamente esso richiede un forte impegno politico da parte dei nostri Amministratori. Cordialmente,

 

Paolo Polverino

 

RISPOSTA DI VINCENZO PATERNUOSTO 

Caro Signor Polverino, Lei capirà che una volta inserito nei beni architettonici e culturali da tutelare poi sia molto complicato compiere il percorso inverso. Se i ruderi del muro di cinta della ex Caserma Pianell sono stati sottoposti ai vincoli della tutela della Sopraintendenza dei beni architettonici, artistici e culturali di Caserta e Benevento, evidentemente esistevano le ragioni per farlo. Comprendiamo perfettamente quanto Lei sostiene, sia perché il muro in questione non è adeguatamente tutelato e manutenuto al punto che potrebbe risultare addirittura "pericoloso" per l'incolumità dei passanti. È paradossale che un bene architettonico poi non sia adeguatamente tutelato come è previsto dalla legge ad hoc. Chiediamo, quindi, all'Amministrazione comunale di farsi portavoce presso la Soprintendenza affinché siano disposti degli interventi manutentivi del muro. Grazie. Vincenzo Paternuosto di Capuaonline

Per contatti scrivi a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.