Capua: un cittadino in vacanza fa paragoni con le città dell'Umbria

città umbriaGentile Redazione, voglio sottoporre alla Vostra attenzione alcune considerazioni sul modo in cui in altre città viene pensata e gestita la Cosa Pubblica. Nei giorni di Pasqua ho avuto l'opportunità di visitare alcuni centri dell'Umbria, regione, si sa, che sfrutta al meglio sia il proprio patrimonio storico-monumentale che le proprie bellezze paesaggistiche facendone fonte di ricchezza e benessere. Il giorno di Pasquetta mi sono recato ad Orvieto, centro famosissimo e di dimensioni equivalenti a quello di Capua. Nella mattinata, seguendo le precise indicazioni stradali, ho parcheggiato la mia auto in un parcheggio multipiano destinato ai turisti (perché ad Orvieto, a monte del corso principale, esiste anche un parcheggio controllato per i residenti...), pagando il modesto importo di 5,60 Euro per una sosta di circa 7 ore e con una tariffa di 1 Euro per la prima ora ed 80 centesimi per le ore successive (parcheggio aperto 24 ore su 24).

 

Ho quindi passeggiato comodamente per il corso principale sulla bella, anche se datata, pavimentazione di sampietrini senza paura di inciampare in qualche basola o peggio ancora preoccuparmi della caduta di qualche calcinaccio da un antico palazzo. Ho persino avuto la possibilità, ahimè, di poter fumare una sigaretta, avendo l'opportunità di buttare la relativa cicca nei contenitori dell'immondizia provvisti di relativa semplice ceneriera !
Ho proseguito quindi per il corso senza incontrare nelle piazze principali ingombranti ombrelloni, piante di baobab, di ulivo o altro. Queste erano presenti solo nelle piazzette laterali, quelle secondarie, lasciando liberi gli spazi e le prospettive delle piazze principali ai fotografi.
Mi sono imbattuto anche nei famosi dissuasori o paletti che dir si voglia. Per la verità ce ne erano pochi, ma quelli che ho visto erano di dimensioni diverse da quelli pericolosissimi che stanno imbruttendo il nostro centro storico e per i quali si prospettano tempi di sopravvivenza molto brevi e con qualche, presumibile, inciampo (già per altro verificatosi durante la processione serale del Venerdì Santo. A proposito: avvocati tenetevi pronti! Lauti affari all'orizzonte.).

 

Nella mia passeggiata ho anche avuto la possibilità di sedermi sulle "numerose" panchine dislocate in città lungo i punti di maggior interesse ambientale ad ammirare il paesaggio e contestualmente consumare il mio panino. Il giorno successivo mi sono recato a Perugia, città ovviamente di dimensioni maggiori, ma organizzata e pensata in maniera similare a un piccolo centro.
La cosa che mi ha più colpito è la presenza lungo le gallerie di accesso al centro storico di un distributore, non di bibite, ma di sacchetti per l'immondizia dove il cittadino di passaggio con una semplice tessera magnetica può prelevare i sacchetti per ciascun tipo di rifiuto senza dover prendere qualche ora di permesso dal lavoro per poterli ritirare in un qualche ufficio ad orario di comodo.
Questo è quanto ho osservato ed ognuno tragga le proprie conclusioni .
P.S. : Il giorno di Pasqua, data della mia partenza da Capua, ho avuto l'esigenza di parcheggiare la mia auto, carica di borsoni, nel centro storico. Non ho trovato alcun parcheggio libero e, peggio ancora, ho trovato il mitico parcheggio multipiano chiuso. Mi domando: a cosa serve? Menomale che non ero un turista e conoscevo i miei polli. Saluti.

Paolo Polverino

RISPOSTA DI VINCENZO PATERNUOSTO

Gentile Signor Polverino, La ringraziamo per la lettera che offre diversi spunti di riflessione. La faremo pervenire al consigliere delegato Marco Ricci per un'eventuale risposta. Grazie. Vincenzo Paternuosto di Capuaonline

 

Per contatti scrivi a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

parcheggio orvieto

macchinetta sacchetti perugia

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.