Via Napoli: la risposta alla segnalazione del cittadino

Via NapoliEgregio Direttore, Le scrivo per ringraziare Lei e la Sua redazione per lo spazio che dedica alle doglianze dei cittadini comuni che vorrebbero vivere in una paese normale. Devo dirLe però che ai comprensibili evidenti ritardi con cui vengono pubblicate le civili proteste e le segnalazioni dei cittadini, si aggiungono i colpevoli ritardi di chi annuncia, con baldanza e sicumera, di voler dare immediate risposte di buon governo. Ebbene, a distanza di settimane dalle segnalazioni, le buche sono sempre allo stesso posto senza che nessuno intervenga; i bus degli studenti sempre parcheggiati sui marciapiedi o negli spazi rionali destinati ad altro uso, i marciapiedi sempre più ingombri non solo di mercanzia varia ma anche di tavoli, tavolini sedie, gazebi, copertoni, impalcature perenni e vere e proprie nuove costruzioni in legno, baracche ecc. Si ha l'impressione, tra uno slalom e l'altro, di attraversare un "percorso di guerra", dove bisogna stare ben attenti se si vuole riportare la pelle a casa. Si ha l'impressione di vivere immersi in un paese della sub periferia napoletana dove è tollerato tutto, soprattutto l'assenza di regole e controlli. Spero che Lei possa far giungere all'ormai onnipresente e sempre disponibilissimo Assessore Ricci i segni di una diffusa sensazione di delusione e rassegnazione.

Carlo Salerno

 

RISPOSTA DELL'ASSESSORE MARCO RICCI


Caro Signor Salerno, un Ente pubblico deve purtroppo attivare una certa burocrazia contestualmente alla soluzione di altre problematiche inerenti la gestione ordinaria che riguarda il governo di una città. Per gli autobus ho fatto predisporre un'ordinanza a cui deve seguire apposita segnaletica e pubblicazione. Per le buche, fatto il sopralluogo e preparato il preventivo, verifichiamo la copertura della spesa. Tutto questo inserito in una mole di lavoro dei dirigenti e dei dipendenti non indifferente. Le chiedo un po' di pazienza. Certo che la città descritta da lei mi spaventa; potrebbe cortesemente essere più preciso sui luoghi dove ci sono baracche, gazebo etc., sottolineandole? Caro concittadino che la città va amata e rispettata prima da chi la vive e la abita, sperando di non usare mai il bastone per far capire che la città non è una pattumiera pubblica dove ognuno la usa per i propri sfoghi incivili, ma è il luogo dove vive ognuno di noi con i propri figli. Grazie.

Marco Ricci

Per contatti scrivi a: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.