A Riviera Casilino, il fiume Volturno soffre e chiede aiuto...

spondavolturno.jpgIl fiume Volturno, che circonda e avvinghia la nostra amata città soffre.

Non basta l’inquinamento, ora le sterpaglie, l’erba alta e la sporcizia che si annida sotto di esse, lo castiga ancora di più.

Il Volturno non è libero di scorrere placido, la nostra incuria lo costringe a stare stretto nel suo letto senza poter bagnare degnamente le proprie rive.  

Il termine "Volturnus", ai giorni nostri Volturno, è costituito dalla radice Vel e dal suffisso Thur, corrisponderebbe ad un personaggio mitologico, una divinità, precisamente il dio di tutto ciò che scorreva con corso sinuoso. Addirittura pensate che la leggenda narra che questa antica divinità ancora sopravvive nelle acque del fiume che ne conserva il nome.  

La foto che vedete, riprende la Riviera Casilino una zona della città che è tra le più belle e panoramiche.

Chi di noi non ha passeggiato con rilassatezza lungo questo viale ? Quanti innamorati si sono detti parole dolci che la corrente del corso d’acqua ha portato fino al mare ?

Che peccato che ora affacciandosi alle ringhiere non si trova quasi lo spazio per vedere il fiume. Prefetto, sindaco e dirigenti provinciali per ogni quota parte di competenza dovrebbero pensarci e fare subito qualcosa. Dove si arriverà di questo passo ?

Secondo l’antica mitologia il dio Volturno amò ardentemente Galatea, figlia del monte Tifata e fu padre della ninfa Giuntura.

Ora ci chiediamo, come si può abbandonare un fiume così passionale capace di amare proprio la figlia della nostra terra ?

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.