Banner

Foglie di Lauro. Jury Monaco in " 'O suonno do' Presepio". Due giorni di spettacolo teatrale nella monumentale Chiesa di S. Eligio

jury monaco1È sicuramente la messa in scena di una "gens capuana", quella della vigilia e dalla festività dell'Epifania; due giorni per la rappresentazione della compagnia di Jury Monaco, in " 'O suonno do' Presepio", il titolo della commedia, pastorale, così come precisa l'autore e regista, durante la quale, saranno sceneggiati i misteri della natività del Salvatore, pensati, scritti e sceneggiati in un contesto, la cui indole, la fantasia e la concretezza napoletana, saranno i punti fondamentali del testo.
Conoscendo le ben note, ed apprezzate capacità teatrali e di sintesi di Jury Monaco, lo spettacolo, in programma per due giorni, nella monumentale chiesa di S. Eligio, in piazza dei Giudici a Capua, è da considerare un evento unico.
La compagnia si esibirà con trenta attori, tra cui, il collaudato Antonio Ferraro, in posa con Jury Monaco, che rappresenteranno la folla indaffarata e coloratissima, e che darà vita ad un vero e proprio itinerario narrativo, dove non mancheranno i pastori, raggiunti dal messaggio divino della Nascita, ed i Re Magi, in cammino per rendere omaggio al Redentore, simboli dell’universalità. Tre, gli spettacoli per ogni giornata: il 5 ed il sei, alle ore 17, alle19 ed alle 21. Evento, sicuramente, apprezzato e sostenuto da chi ha firmato l'egida, ovvero la Pro Loco, ed opportunamente, aggiungiamo noi, le Parrocchie di Capua centro. Uno spettacolo da non perdere, e che, ancora una volta, porterà al successo l'attore Jury Monaco, che con brillante intuizione, racconterà la storia più antica e meravigliosa del mondo, dove ci sono i poveri e i ricchi, i credenti e gli indifferenti, c’è il buio e c’è la luce, c’è l’uomo e c’è Dio. Ci saranno loro, molto probabilmente: Razzullo e Sarchiapone, il primo, rappresentante della bassa plebe, ampiamente rimaneggiato dall'autore, in modo da imprimere, anche, un ruolo comico ritagliato alle vicende sacre, a braccetto con Sarchiapone, barbiere matto.
Tanti i protagonisti, insomma, soprattutto gli spettatori, i quali hanno un solo obbligo: la prenotazione. L'ingresso, ovviamente, è gratuito.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.