Banner
Banner

Foglie di Lauro. Festa di Santo Stefano: primo martire del cristianesimo

santo stefano         Oggi è la festa di Santo Stefano, protomartire, ovvero, primo martire del cristianesimo. Nel 36 dopo Cristo, venne accusato di blasfemia e condannato alla lapidazione. Santo Stefano è copatrono, con S. Agata, della città di Capua. Ed è qui, fino al 1991, che si è svolta la fiera suinicola. Fonti testimoniali, rendicontano l'importanza dell'evento, che faceva registrare numerose contrattazioni, finalizzate alla commercializzazione dei suini. Un caleidoscopio di ricordi, tra gente festosa, bancarelle imbandite, ma soprattutto il continuo grugnire dei veri protagonisti della manifestazione espositiva e commerciale: i maialini. A tutto ciò, le estenuanti contrattazioni, governate dai sensali, con il ricordo di questi ultimi: gli Ingicco, Antonio, Tatonno Pragliola, ed altri, in un clima di genuina animosita', corroborata da voci e suoni. È Porta Roma, il fulcro di una tra le fiere più antiche del nostro paese, una memoria storica mai sopita dal tempo. Le origini della fiera, risalgono al XII secolo, allorquando, nell'attuale zona di fuori Porta Roma, esisteva il borgo di SanTerenziano, che comprendeva l'area tra l'attuale chiesa di San Giuseppe, extra-moenia, e le localita' di Silvagni e Piglialarmi. In quella zona vi era il convento e l'ospedale dei Templari. A sud, esisteva un altro piccolo borgo, con una chiesetta dedicata a S.Antonio Abate, davanti alla quale, nel mese di maggio, venivano portati grossi suini per essere benedetti. Le notizie relative alla fiera di Santo Stefano, svolta nel mese di dicembre, invece, fanno eco sin dalla fine del milleduecento. La figura cardine era quella di Carlo II d'Angio', a cui fu salva la vita, dopo essere sopravvissuto agli eventi belligeranti che coinvolsero la Sicilia. Il regnante, al rientro in continente, giunto nella nostra citta', volle concedere a tutti i capuani, numerosi privilegi. In particolare, delle "franchigie" per i giorni in cui si teneva la fiera, la cui predominanza commerciale era data proprio dalla vendita dei suini. La partecipazione era imponente, ed in virtù di ciò, si rese necessaria l'indivuazione di una nuova area espositiva.
Ecco, allora, San Giuseppe ed il tenimento portaromano. La durata era di nove giorni; quattro prima e cinque dopo la festivita' di Santo Stefano. Altre notizie, risalgono alla metà del millequattrocento. Il re, Alfonso d'Aragona, volle rinnovare i privilegi ed i benefici, sia per l'importanza dell'antichissima fiera, quanto per gli stessi Capuani, sicché si determinò un considerevole ampliamento commerciale, estendendo l'esposizione campionaria alle stoffe, ai pellami, alle terraglie ed altro, oltre che al bestiame, ovviamente.
Siamo nel 1557, gli spagnoli favorirono la continuità della fiera di Santo Stefano, anche perché, la raggiunta popolarità, continuo' a richiamare visitatori e soprattutto acquirenti da tutta la Campania. Si celebrava una sorte di rito, con intere carovane di mercanti, che si posizionavano alle porte della città.
Da diversi anni, la fiera di Santo Stefano non si ripete piu', in virtù di specifiche ed opportune normative in ordine alla tutela sanitaria ed alla salvaguardia degli animali, ma a noi piace qui' ricordarla, conservandone, almeno, la memoria e rinnovando, ai nostri giovani, le antiche tradizioni della città.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.