Banner
Banner

Foglie di Lauro. L'arte religiosa, gelosamente custodita in alcune delle chiese di Capua, rende unico il patrimonio della nostra città.

arte chiesaL'arte religiosa, gelosamente custodita in alcune delle chiese di Capua, rende unico il patrimonio della nostra città. La visita nella monumentale chiesa di San Domenico, dona l'opportunità di ammirare il meraviglioso simulacro, o statua, come meglio preferite, della Beata Vergine del Santo Rosario. L'occasione, anche, per apprendere, con non poca gratitudine, nei confronti dell'Arcivescovo Salvatore Visco, di aver approvato e ratificato la nomina di Gianpaolo Palmieri, alla carica di Priore della antichissima Congrega. Il neo responsabile del consiglio direttivo, è da oltre quindici anni iscritto al Sodalizio, ed a margine della ratifica, ha voluto sottolineare che, in questo momento di cambiamento della Chiesa, anche le associazioni di fedeli, note come “Congreghe”, sposino il rinnovamento auspicato dal Papa, per restare vive e solide nella loro espressione di guida e testimonianza del Vangelo, oltre che di devozione al loro Santo Patrono. Con Gianpaolo Palmieri, compongono il direttivo: Ugo Dal Poggetto e Vittorio Chiappini, con durata nella carica per tre anni, con i compiti attribuiti dallo Statuto Diocesano delle Confraternite del 1 dicembre 1996. La nomina del segretario, invece, avverrà in sede di primo Consiglio Direttivo, poiché trattasi di carica non elettiva, la tesoreria resta affidata a Fernando Greco; le votazioni per designare il nuovo tesoriere, avverranno, come da statuto, prima della fine di quest'anno.
Gli scopi e le finalità del sodalizio, vedono tutti i membri coinvolti nella pratica e nella testimonianza di vita cristiana, attraverso percorsi di catechesi e di preghiera comune, al fine di una mutua edificazione nella crescita umana e spirituale. Resta ferma la promozione del culto pubblico della Chiesa, nonché, mantenere, rinnovare e trasmettere ai posteri, i particolari atti di devozione in onore del Santo titolare, che nel caso specifico è la Beata Vergine del Rosario, la cui memoria liturgica cade il giorno sette del mese di ottobre. Per conoscere ed approfondire le caratteristiche artistiche ed iconografiche del meraviglioso simulacro, troviamo conforto nelle note di don Franco Ruotolo, apprezzato parroco del tempio di San Roberto Bellarmino, ed eretto nel quartiere dedicato alla Madonna delle Grazie. Il sacerdote, a nostro modestissimo parere, rappresenta una vera ed autentica fonte testimoniale per quanto concerne la storia della chiesa di Capua. A suo dire, la statua della Madonna del Rosario è da attribuirsi a maestranze napoletane, con datazione intorno alla fine del ‘700. Il bambino, che attualmente si nota adagiato sulla mano della Vergine, non è quello originale, che fu oggetto di furto. La riproduzione, che comunque è di pregevole fattura, è opera di maestri scultori di Napoli. Gli abiti, di cui la Madonna era corredata, sono stati, nel tempo, perduti o alienati. Fanno parte dell’attuale corredo, per le diverse occasioni liturgiche, un abito color rosso, che ricalca un originale, e l’abito bianco, con rifiniture in oro, eseguito da suor Maria Giuseppina Luongo, dell'ordine Francescano di Santa Caterina, nel 1899. La festa del sette di ottobre, fu istituita con il nome di “Madonna della Vittoria” da Papa Pio V, a ricordo della battaglia di Lepanto, detta anche delle Echinadi o Curzolari, scontro navale tenutosi nello Golfo di Corinto, il sette ottobre 1571, nel quale la flotta della Lega Santa, formata da Spagna, Repubblica di Venezia e Stato della Chiesa, sconfisse la flotta dell’Impero ottomano. In seguito, Leone XIII trasformo questa festa attribuendole il nome di festa della” Madonna del Rosario”. L’ origine della Madonna del Rosario viene attribuita all’apparizione di Maria a San Domenico, nel 1208 a Prouville, nel primo convento fondato dal Santo.

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.