Banner

Ospedaletto d'Alpinolo (AV): La Candelora e la juta dei femminielli a Montevergine

Rubriche - Eventi...Amo

A iuta MontevergineDomenica 2 febbraio 2020, giorno della Candelora, si rinnova l’appuntamento con la “Juta” al santuario di Montevergine in provincia di Avellino, un rituale che richiama le tradizioni millenarie della Campania. Si tratta di un’antichissima festa religiosa che si celebra per ricordare la presentazione del Signore al Tempio e il rito di purificazione della Vergine Maria, che avviene quaranta giorni dopo la nascita di Gesù. Il nome deriva dal latino "candelorum" ossia dalla benedizione delle candele che i fedeli accendono nelle loro abitazioni nei momenti della vita che necessitano l’intervento divino. La Candelora, inoltre, sempre in Campania dà il via al  ciclo delle Sette Madonne, appartenenti a sette diversi Santuari, che vengono onorate con riti e preghiere differenti. Le Sette Madonne prendono il nome dai luoghi a cui sono legate e tra queste c’è la Madonna di Montevergine. La Candelora è la festa dell’incontro a Montevergine, famosa per il pellegrinaggio di numerosi gay da Mamma Schiavona, la mamma di tutti, per chiedere la sua protezione. La juta del 2 febbraio è quindi una festa, è il suono delle tammorre in avvicinamento al Santuario da Ospedaletto d’Alpinolo.Partecipare alla Candelora significa vivere un’esperienza indimenticabile durante il quale migliaia di pellegrini provenienti da ogni parte della regione, con ogni condizione atmosferica, raggiungono il Santuario a 1270 metri solo per salutare il nuovo anno con la benedizione protettrice dei ultimi. L’incanto del luogo unito ai canti e ai balli a ritmo di tammorre, castagnette e tricchebballacche regala ai visitatori un’atmosfera unica .

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.