Banner

Capua: Ventesima edizione "in ricordo dei caduti della Battaglia del Volturno"

Piazza dei Giudici - Cultura ed Eventi

Regno 2 Sicilie

Sabato scorso si è svolto a Capua il convegno per ricordare i caduti della battaglia del Volturno (1 ottobre 1860), giunto quest'anno alla sua ventesima edizione, organizzato dall'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie presieduto dal comm. Giovanni Salemi. Il programma si è aperto con la deposizione di una corona sulla lapide che ricorda quell'evento, in Corso Gran Priorato di Malta, mentre i talentuosi ragazzi del Liceo Musicale “Luigi Garofano” di Capua, eseguivano l'inno di Paisiello. La tradizionale allocuzione è stata tenuta da Maurizio Di Giovine che ha spiegato ai presenti (tra i quali c'era anche il primo cittadino di Capua, generale Eduardo Centore) il perché e il vero significato di questa manifestazione che ogni anno raduna da ogni parte della Penisola un cospicuo stuolo di “patrioti” che non hanno e che non vogliono dimenticare quei tragici eventi, tra i quali per l'appunto la battaglia del Volturno, che nel 1860 portarono alla nefasta dissoluzione del regno borbonico. Quindi ci si è trasferiti nella vicina chiesa dei santi Rufo e Carponio dove è stata celebrata una messa per ricordare quei caduti.
Nella sala conferenze del Liceo Musicale “Luigi Garofano”, invece, si è svolto il tradizionale convegno storico che ha visto seduti al tavolo dei relatori personalità di spicco quali il marchese Pierluigi Sanfelice di Bagnoli, presidente del Corpo Internazionale di Soccorso del Sacro Militare Ordine Costantiniano, il prof. Antonio Sciaudone, Ordinario Diritto Agrario, Dipartimento Scienze Politiche, Università della Campania Luigi Vanvitelli,l'avvocato Gennaro Grimolizzi, in rappresentanza di “Identità Europea”,e naturalmente il comm. Giovanni Salemi, presidente dell'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie che, con il suo intervento appassionato e vibrante, ha invitato i presenti “a non indietreggiare bensì ad andare avanti seguendo la strada della verità storica che è stata dolosamente stravolta, per giungere finalmente a restituire dignità ad un regno e ad una dinastia, quella borbonica, che è stato abbattuta da una spregiudicata operazione di pirateria e di aggressione, contraria ad ogni norma di diritto internazionale”.
Al termine, Presidente ha letto un breve messaggio idi S.A.R. la Principessa Beatrice di Borbone delle Due Sicilie, Gran Prefetto del Sovrano Militare Ordine Costantiniano di San Giorgio e sorella maggiore del Principe Carlo, Duca di Castro, Capo della Real Casa, che così concludeva:

"Un sincero cordiale saluto a tutti i fedeli e soprattutto a Lei che rimane un esempio per noi tutti! VIVA IL REGNO DELLE DUE SICILIE"
P.ssa Béatrice. Al comm. Salemi poi, è stata consegnata una targa a testimonianza del suo instancabile impegno al servizio della causa che lo vede in prima linea da oltre mezzo secolo per cercare di ristabilire la verità che una storia fin troppo parziale, scritta dai vincitori, ha coperto sotto una densa ed impenetrabile coltre di menzogne. I lavori sono stati brillantemente moderati dal giornalista Rai Massimo Calenda.

Nel corso del convegno è stata consegnata al giovane studente Giovanni De Maio una borsa di studio istituita dall'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicilie, per premiare la sua tesi di laurea avente ad oggetto la vera storia che ha portato alla “mala unità” d'Italia e che i libri di testo non contemplano. L'Istituto, per mano del suo presidente Giovanni Salemi, ha voluto premiare il coraggio e la serietà di un giovane ricercatore che non ha avuto alcun timore a remare, per così dire, controcorrente. Come lo scorso anno il bel pomeriggio si è concluso nella suggestiva Chiesa sconsacrata del Gesù Gonfalone facente parte del complesso del Liceo Musicale capuano dove i ragazzi del coro hanno deliziato i presenti con una serie di pezzi magistralmente interpretati che hanno strappato applausi scroscianti ed entusiastici apprezzamenti.
E così è calato il sipario su un'altra edizione, la ventesima, del convegno di Capua. Una manifestazione il cui intento è sicuramente quello di commemorare e di ricordare ma, anche e soprattutto, quello di indicare la via per andare avanti in una nazione che sta dimostrando ormai sempre di più le crepe di un'impalcatura artificiosa che traballa visibilmente. Prendere spunto dal passato, dunque, cercando possibilmente di non ripetere errori fatali, ma proseguire spediti lungo la strada del riscatto e della riconquista della dignità perduta. “Con la sciabola sguainata” come da vero comandante ha indicato il comm. Giovanni Salemi, tra l'entusiasmo generale del folto uditorio, invitando tutti a lasciare le retrovie per correre in prima fila ed adoperarsi fattivamente in questa doverosa opera di rivisitazione e di ripristino della verità. Un discorso questo che continuerà durante tutto l'anno con le tante manifestazioni organizzate dall'Istituto di Ricerca Storica delle Due Sicile e che avrà il suo punto focale nella ventunesima edizione del convegno di Capua. Arrivederci, dunque, al 2018 con la speranza che i “paladini della verità storica” prendano sempre più coraggio e diventino sempre più numerosi, per avviare quell'operazione di riscatto della nostra terra offesa e vilipesa che ormai non può essere più differita.

Fonte: Istituto di Ricerca Storica delle due Sicilie

 

Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.