Anche la Capua Fortificata, nell'ultimo saggio di Salvatore Costanzo sulle "CITTA' FORTIFICATE"

Piazza dei Giudici - Cultura ed Eventi

Salvatore CostanzoL'ultimo saggio di Salvatore Costanzo sulle "CITTA' FORTIFICATE" (Giannini Ed., Napoli), nel considerare il nuovo ruolo dell'assetto del territorio meridionale tra Sette-Ottocento, indaga - con larghezza di temi e di vedute- gli ampliamenti e i rafforzamenti di aree portuali, offrendo un prospetto efficace di numerose infrastrutture di bacini classificati di "prima classe". Si tratta di un ampio quadro d'insieme ragionato sui profili delle tecniche di difesa lungo le coste delle città "fronte-mare" i cui interventi ci consentono di interpretare e ricostruire integralmente le parti paesaggistiche e ambientali, e di seguire con precisione i criteri evolutivi dei contesti urbani e topografici dei luoghi, sia durante che dopo i periodi di militarizzazione. Più in generale, il libro dell'arch. Costanzo mira a coprire aspetti eloquenti dei processi difensivi visti in rapporto alle preesistenze, e a raccogliere un numero abbondante di dati su importanti piazze d'armi del regno, a cominciare da quelle classificate di prima classe (Napoli, Gaeta, Capua, Palermo, Messina, Siracusa; ed ancora Pescara, Civitella del Tronto, Trapani, Augusta). A riguardo, notevoli risultano le testimonianze e il materiale informativo sugli elementi qualificanti della piazzaforte di Capua. Numerose le esposizioni su fortezze ed insediamenti castellani classificati di terza e quarta classe, nelle cui rassegne rientrano esemplari di isole e "cittadelle", luoghi cioè capaci di controllare posizioni strategiche rilevanti che ancora oggi costituiscono una forte immagine di identità locale (si vedano le organizzazioni difensive dei territori di Capri e Ponza, l'apparato della cittadella di Milazzo, le strutture di Ustica, Pantelleria e Termini Imerese; ed ancora, la militarizzazione dell'isola di Favignana e l'ampliamento del molo di Girgenti). Particolarmente utili i ragguagli sul potenziamento e sui nuovi progetti dei porti lungo il litorale pugliese (si guardi alle riorganizzazioni e ai tessuti connettivi di Gallipoli, Brindisi, Manfredonia, insieme all'ambiente difensivo delle Tremiti e al riassetto dell'area portuale di Barletta), mentre la lettura dei disegni dei dispositivi di difesa classificati di quarta classe nell'entroterra abruzzese (fortificazione bastionata di L'Aquila) e quelli lungo l'ampia costa siciliana (San Salvatore a Messina, l'insediamento strategico-difensivo di Licata, le strutture di Trapani e Capo Passero, i forti di Favignana), chiudono la prima parte della disamina. Considerevole l'interesse riservato allo studio attraverso alcune importanti personalità militari come Luigi Bardet di Villanova (molto attivo nella piazza d'armi di Capua), Vincenzo d'Escamard e Gennaro Gonzales, ingegneri e ufficiali del Real corpo del Genio borbonico. Con inediti materiali archivistici e fonti stratificate, il prof. Costanzo traccia una mappa completa ed esauriente delle loro attività tecniche, topografiche e progettuali, particolarmente dense di risvolti innovatori nel corso della loro carriera.

*Salvatore Costanzo, ex Ufficiale dell'Esercito, è Architetto, Storico dell'arte ed esperto in Urbanistica

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.