CAPUA - Cento giornalisti al Museo Campano per parlare di informazione, comunicazione e innovazione. Il modello TEDx e Beni culturali a confronto

Piazza dei Giudici - Cultura ed Eventi

 

Museo Campano 141016Si svolgerà venerdi 14 ottobre il primo Corso di formazione organizzato a Capua al Museo campano dall’Ordine dei giornalisti della Campania.
“Informazione, comunicazione ed innovazione” il titolo, ma anche le parole chiave su cui si discuterà nel corso della mattinata, con un approfondimento sul tema della gestione dei Beni culturali.
Un corso di formazione innovativo nella forma e nei contenuti, assicurano gli organizzatori.
Il format scelto per questo appuntamento è il modello TEDx, un’organizzazione nata più di 30 anni fa nella Silicon Valley, dedicata alla diffusione delle idee innovative nel campo della tecnologia, dell’intrattenimento e del design, ed il cui motto è “Ideas Worth Spreading”, le idee che vale la pena di diffondere.
TEDx organizza oggi annualmente eventi in tutto il mondo. Di recente si è svolto anche a Napoli, a Palazzo Reale. La modalità del tipico evento TEDx è snella e veloce: gli interventi si susseguono l’uno all’altro senza moderatore, sono brevi, non più di 18 minuti ciascuno, per garantire un giusto ritmo all’approfondimento dei temi. Una forma di comunicazione moderna ed efficace, ormai sperimentata e consolidata in più contesti e in più settori della conoscenza.
Il modello TEDx, quindi, si affaccia anche nel mondo della formazione giornalistica, toccando temi riguardanti l’informazione, ma allargando la prospettiva anche alla comunicazione, fattore ormai imprescindibile, alle nuove professionalità e, immancabilmente, ai social media. Una particolare riflessione verrà fatta sull’influenza di questi fattori nella gestione dei Beni culturali, dall’esperienza della Reggia di Caserta, a Pompei, ai principali Musei della Campania.

Un parterre di grande calibro. Sei i relatori che si avvicenderanno e provenienti dal mondo accademico, della comunicazione e del giornalismo: Gianluca Abbruzzese, team TEDx Caserta, Claudio Pappaianni, giornalista de L'Espresso e RAI3, Giancarlo Panico, esperto in comunicazione, strategie e marketing, Pierluigi Vitale, data analyst presso Digital Humanities e Information Design dell’Università di Salerno, Vincenzo Zuccaro, responsabile Ufficio Comunicazione della Reggia di Caserta e Nadia Barrella, docente di Museologia del Dipartimento di Lettere e Beni culturali della SUN.
L’evento si concluderà con la visita dei partecipanti alla Sala delle Matutae, la collezione unica al mondo, anche se troppo poco conosciuta, di oltre centotrenta statue di tufo risalenti al periodo tra il IV e I secolo a.C. e rappresentanti degli ex-voto alla dea della fertilità, la Mater Matuta.
L’Ordine dei giornalisti della Campania, infatti, ha già concesso il patrocinio morale gratuito ad una iniziativa per la valorizzazione della collezione delle Matres Matutae, denominata “Adotta una Madre” (http://www.adottaunamadre.it, promossa dall’Associazione culturale Capuanova. Il corso di formazione da svolgersi all’interno della struttura museale che le ospita e la visita guidata vanno nel solco del sostegno che l’istituzione giornalistica vuole dare all’opera di valorizzazione dei Beni culturali, in generale, e del patrimonio del Museo Campano, in particolare.
Prevista anche la diretta streaming dell’evento a cura della web agency Tempo Digitale, società che ha cura per questo corso l’organizzazione e la comunicazione.
Evento FB: https://www.facebook.com/events/1046585198782883/

 

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.