Antropoli: "Posso fare a meno anche dell'Udc"

Piazza dei Giudici - Cronaca

Cresce la tensione nella compagine di maggioranza dopo che l'Udc ha annunciato il ritiro del proprio assessore dall'esecutivo, come "segnale forte" per manifestare il proprio dissenso su come vengono adottate le scelte amministrative. La replica del sindaco, infatti, non è tardata ad arrivare, invitando l'Udc a mettersi da parte rimettendo le deleghe. Carmine Antropoli, però, fa alcune distinzioni tra il gruppo consiliare e il rappresentante in giunta dei centristi. "Ferraro - dice il primo cittadino - rimarrà al suo posto. E' una persona che gode della massima stima e fiducia da parte mia e non può considerarsi riferimento del gruppo consiliare di Capua, bensì del coordinamento provinciale". Una chiara presa di distanza, dunque, dalla componente consiliare e da una parte del partito zinziano. Carmine Antropoli, assumendo questa posizione, spinge così ad isolare l'Udc, mettendo in pratica quanto aveva avuto modo di dichiarare qualche settimana fa: "via dalla maggioranza chi dà problemi". Non mancano, inoltre aluce critiche.  "Fino ad oggi – afferma Antropoli – l'Udc, che ha alcune deleghe a progetto, non ha conseguito risultati positivi. Anzi, con l'atteggiamento assunto da alcune sue componenti, è di ostacolo all'attività amministrativa, ecco perché il mio invito è quello di rassegnare le dimissioni relative alle deleghe". Antropoli sostiene che   si tratti di una questione politica che, a causa di una serie di veti, ha portato al rallentamento delle attività. "L'attività amministrativa deve andare avanti - dice - ed invece non possiamo continuare a sottostare ad una serie di veti". E cita l'ultimo scontro che si è consumato sul progetto di riqualificazione e pedonalizzazione del corso Appio, al fine di garantire una nuova area pedonale ai cittadini. Provvedimento sul quale – a suo dire – c'è stato il veto inamovibile dei centristi, nonostante il provvedimento trovi il favore e il consenso dei cittadini. La vicenda nel complesso, fa emergere, inoltre, la distanza che si è creata tra le posizioni dell'Udc locale e del suo uomo in giunta, difeso dal primo cittadino, che sta partecipando regolarmente all'attività dell'esecutivo. Questo nuovo fronte di crisi nella compagine di maggioranza si apre a poche settimane dalla discussione in assise di due importanti delibere che influiranno direttamente sull'attività di consigliatura: il bilancio consuntivo, relativo all'esercizio finanziario del 2011 e quello di previsione per l'anno in corso. Un appuntamento al quale il centrodestra arriva con la frattura che si è consumata con il Pdl e che, alla luce delle ultime vicende, potrebbe far registrare atteggiamenti diversi anche dall'Udc. Antropoli appare sicuro. "Ci sono 12 voti in consiglio a mio favore - dice - e quindi posso fare a meno anche di quella parte dell'Udc che non si dimostra costruttiva e pone soltanto veti".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.