Il Pdl non partecipa al vertice di maggioranza

Piazza dei Giudici - Cronaca

Carmine AntropoliIl Popolo delle Libertà non ha preso parte alla riunione della maggioranza convocata dal sindaco Carmine Antropoli. Un incontro voluto dal primo cittadino per affrontare la grave crisi che sta investendo l'intera compagine di centrodestra con il Pdl che ha avanzato specifiche richieste annunciando, nel contempo, le dimissioni del proprio assessore, Antonio Minoja. "Dimissioni pronte – afferma il diretto interessato – che devo solo formalizzare dopo un incontro con i componenti del partito". E dal Pdl spiegano i motivi della mancata partecipazione alla riunione di ieri. "Un assenza – dicono – che non deve essere letta come un atteggiamento di chiusura o di muro contro muro, visto che il nostro partito si è sempre caratterizzato come una forza politica aperta al confronto e alla discussione. Non condividiamo però le scelte fatte dal sindaco sulla gestione della crisi. Come Pdl abbiamo chiesto prima un incontro con il primo cittadino e, soltanto successivamente, si sarebbe dovuto convocare un vertice di maggioranza. Invece, ancora una volta, si è preferito fare scelte in controtendenza con le nostre richieste. Il vertice di maggioranza è importane ma lo riteniamo solo una tappa di un percorso che doveva portare al chiarimento e all'apertura di un dibattito, anche serrato, sull'azione amministrativa. Il percorso doveva iniziare con un incontro tra il nostro partito e il sindaco così come avevamo richiesto nei giorni scorsi e, solo successivamente, procedere con un vertice di maggioranza. Preso atto di questo comportamento rimaniamo fermi sulle nostre decisioni". Alla luce della presa di posizione del Pdl tutti i nodi della crisi rimangono, per ora, irrisolti visto che ancora non c'è stato un vero confronto tra i diretti interessati. "C'è un problema politico – continuano ad affermare dal Pdl cittadino – che andava affrontato e risolto ed invece non è stato così. Abbiamo evidenziato la necessità di cambiare strategia amministrativa in alcuni settori, come l'ecologia ad esempio. Un cambiamento che poteva avvenire con l'assunzione della importante delega da parte dello stesso primo cittadino. Abbiamo posto una serie di problemi che dovevano essere discussi, ribadiamo, direttamente con il sindaco. Si doveva aprire un confronto diretto e leale per affrontare tutte le questioni da noi evidenziate. Questo confronto, come da noi richiesto, non c'è stato". Il sindaco, da parte sua, probabilmente puntava a portare tutta la discussione nell'ambito della coalizione aprendo il tavolo di maggioranza per ieri sera. Ma la posizione del Pdl, fermo nella richiesta di incontrare prima il sindaco, di fatto ha cristallizzato le varie posizioni. Non c'è stato, quindi, alcun passo in avanti e, anzi, gli animi continuano ad essere surriscaldati con il gruppo dei socialisti determinato a far voltare pagina all'amministrazione iniziando un percorso senza il Pdl. Antropoli, che pur ha dato piena fiducia a Marco Ricci, il consigliere con delega all'ambiente finito nel mirino degli azzurri, è stretto tra due fuochi visto che il Pdl è e resta il suo partito. Una rottura totale sarebbe devastante ed ecco perché lo stesso Pdl, pur annunciando le dimissioni di Minoja e la conseguente uscita dalla gestione amministrativa, ha sottolineato che avrebbe comunque continuato ad appoggiare il primo cittadino.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.