"Tubi di amianto in località ponte Piazza". La denuncia di Gaetano Iannotta

Piazza dei Giudici - Cronaca

tubi di amiantoTubi di amianto ammassati in località "Ponte Piazza" a Sant'Angelo in Formis, nella zona dove insistono i pozzi del Consorzio Idrico e nelle immediate adiacenze della scuola media. Possibile rischio per la salute dei cittadini con inquinamento della falda acquifera. La denuncia arriva dall'ex consigliere comunale Gaetano Iannotta che sottolinea come tale situazione sia stata già sottoposta all'amministrazione comunale nel lontano 2006 senza però ottenere alcun riscontro. "Nessuna risposata – afferma Iannotta – è stata data alla mia comunicazione e nulla è stato fatto dall'attuale amministrazione per rimuovere i materiali dannosi alla salute e che se per sei lunghi anni hanno continuato ad emettere particelle di amianto nell'aria con gravi danni alla salute die cittadini e dei loro figli e ad inquinare le falde acquifere del sottosuolo". Alla luce della denuncia di Iannotta è doveroso da parte delle autorità preposte intervenire per effettuare le analisi al fine di verificare se tale materiale abbia effettivamente provocato seri danni all'ambiente. "Segnalai ancora – prosegue Iannotta – che i tubi di amianto, solo qualche mese fa, sono stati rimossi da una ditta specializzata che, dopo aver provveduto alla loro verniciatura con apposito materiale li avvolgeva nella plastica e li portava via. Comunicai inoltre che lastre di amianto erano depositate lungo la strada che da via Luigi Baia si dirama verso la cava Statuto nelle vicinanze dell'acquedotto in località Pisciariello. Le stesse sono ancora ivi depositate assieme ad un congruo cumulo di rifiuti vari". Una situazione, quella dipinta da Iannotta, particolarmente grave anche perché l'amianto è un materiale pericolosissimo per la salute. "Ho segnalato – prosegue – di verificare se tubi analoghi a quelli rimossi nei giorni scorsi dal suolo del consorzio idrico fossero stati mesi in opera per portare l'acqua ai cittadini. In questo caso saremmo di fronte ad una situazione di estrema gravità per la salute di tutti i cittadini". Iannotta si chiede perché su queste tematiche c'è il totale silenzio degli amministratori santangiolesi. Chiaro il riferimento alla delegata alla frazione Carmela Ragozzino. Un silenzio che, sostiene Iannotta, si è registrato anche durante l'emergenza ambientale causata dall'incendio del vicino sito di stoccaggio della Ilside. Un vera e propria tragedia della quale però poco o nulla si conosce sui risvolti che ha avuto per il territorio. "Questo mio intervento – conclude Iannotta – vuole essere un invito al sindaco a rompere il silenzio su problematiche gravi come quelle legate all'inquinamento ambientale e a svolgere un ruolo vigile sul territorio he è sua prerogativa".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.