Passaro: quello del comune è un bilancio di "lacrime e sangue"

Piazza dei Giudici - Cronaca


Franco Passaro"E' un bilancio di lacrime e sangue. Gravi conseguenze per la qualità della vita dei capuani". Non usa giri di parole Franco Passaro del movimento politico dei Riformisti per etichettare il bilancio predisposto dall’amministrazione che dovrà essere varato dal consiglio comunale. Passaro mette sott’accusa la “spesa facile” del duo Antropoli-Ricci. “E' un bilancio di lacrime e sangue – afferma Passaro - la colpa è del disavanzo record registrato nel 2011 che ha ridotto le disponibilità finanziarie di 1.700.000 euro all'anno per il triennio 2012 - 2015. I cittadini capuani saranno chiamati a pagare con una forte riduzione dei servizi i danni provocati alle finanze del Comune dalla politica della spesa facile dell'amministrazione targata dal duo Antropoli - Ricci, che, addirittura, prima delle ultime elezioni comunali aveva indetto due concorsi per l'assunzione di altri dipendenti comunali." Passaro ha analizzato con attenzione la proposta di bilancio di previsione per l’anno 2012 e pone l’attenzione sui tagli previsti per il settore scolastico e le attività sportive. "Sono tanti i tagli operati ai fondi destinati ai servizi che già non brillato per qualità ed efficienza - spiega l'esponente dei riformisti - particolarmente colpite le giovani generazioni, che vedono ridotti drasticamente i fondi per il settore scolastico e per le attività sportive. I fondi per gli asili nido sono ridotti da € 228.000 a € 188.000, per le scuole elementari da 60.500 a € 41.500, per le scuole medie da € 29.500 a € 8.000. I ceti meno abbienti subiranno anche gli effetti negativi di una drastica riduzione dei fondi per l'assistenza scolastica da € 715.299 a € 630.299". Entrando nel dettaglio, per il settore sportivo, i fondi sono stati ridotti da € 50.000 a € 10.000". Ed ancora, "i fondi per la viabilità stradale – afferma - vengono ridotti da € 102.000 a € 57.500. I fondi per la pubblica illuminazione da € 373.000 a € 253.000. Pertanto, nei prossimi anni vi sarà meno manutenzione delle scuole, delle strade e della pubblica illuminazione con gravi conseguenze per la qualità della vita dei capuani e i ceti meno abbienti saranno particolarmente colpiti con la forte riduzione dei fondi per l'assistenza scolastica." Sotto la scure sono finite anche le attivi tà produttive. “I fondi per le attività culturali – conclude - che in una città come Capua sono fondamentali per incrementare il turismo e, quindi, il settore del commercio, vengono quasi azzerati, da € 218.500 vengono ridotti a € 29.300. Le attività commerciali vengono anche colpite con la riduzione dei fondi destinati ad altre manifestazioni (da € 6.000 a € 500) e per ferie, mercati e servizi vari (da € 9.000 a euro zero)".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.