Continua lo stato di agitazione degli operatori ecologici

Piazza dei Giudici - Cronaca

operatori ecologiciL'Ecological Service ha invitato al Comune di Capua di pagare agli operai le spettanze pregresse maturate quando erano alle dipendenze dell'azienda di Boscoreale. L'azienda ha specificato che le somme dovranno essere decurtate dal debito che l'Ente ha nei suoi confronti. Questo però non sembra aver risolto il problema come affermano i sindacati dei lavoratori. "Lo stato di agitazione proclamato – afferma Giovanni Guarino della CISL - si ritiene necessario anche per motivi legati all'Impresud, la quale anche questo mese, tratterrà la somma di 400 come rata mensile del prestito di 2000 euro erogata dopo il passaggio di cantiere ai soli 40 dipendenti. Per noi è ingiusto pagare la rata su questa mensilità per due motivi: Perché sono stati già trattenuti sui primi otto giorni di lavoro nel mese di Marzo, quando ci vennero versate cifre irrisorie (40 – 50 euro cad.).Perché la stessa azienda ha dichiarato in D.T.L. di aver chiesto la rescissione contrattuale al Comune di Capua. Quindi facendo bene i conti se la Impresud lascia l'appalto ci ritroveremo senza soldi e senza azienda per l'ennesima volta, dopo appena 50 giorni dal passaggio di Cantiere. Non è quello che ci aspettavamo dopo che ci erano stati promessi due versamenti al mese, e cioè uno dalla Impresud ed uno dal Comune di Capua come acconto di liquidazione, a questo punto oltre il danno anche la beffa. Diciamo che siamo alle solite chi paga sono sempre gli operai, quindi non ci resta che protestare adottando tutte le procedure previste per legge. Il rischio è che qualche mio collega faccia scelte drammatiche come sta avvenendo ultimamente, il mio appello è: il rispetto degli impegni e degli operai". Il rappresentante della Cisl, infine, fa sapere che parte dei 2000 euro (euro 300) furono destinate per un acconto ai dipendenti esclusi dal passaggio di cantiere i quali aspettano ancora di conoscere il proprio destino. Guarino smentisce le voci circolate sul fatto che gli operatori ecologici sono vicini al sindaco e a favore del gassificatore. "La maggior parte degli operatori – conclude – non si è espressa ne a favore ne contro. Da anni chiediamo controlli su tutta l'impiantistica con discariche a cielo aperto, siti dove oggi giacciono ecoballe ormai putrefatte e inceneritori che bruciano di tutto".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.