Danni alla chiesa della Santella, il Comune condannato al risarcimento. Si valuta l’appello

Piazza dei Giudici - Cronaca

Chiesa SantellaIl Comune di Capua, unitamente ad una ditta, è stato condannato per i danni subiti dalla chiesa della Santella, storico luogo di culto della città. E’ stato il legale dell’ente ad informare gli uffici della decisione assunta dal Tribunale di Santa Maria Capua Vetere. Il risarcimento dei danni è stato quantificato in 130 mila euro. Il Tribunale – come si legge nella nota del legale dell’ente – dichiara il Comune di Capua, nonché l'Impresa esclusivi responsabili dei danni tutti derivati all'immobile di culto di proprietà dell'ente attore, e per l'effetto li condanna, in solido, al pagamento in favore del medesimo attore, a titolo di risarcimento dei danni, della complessiva somma di €. 129.673,33, oltre interessi, al tasso legale, sulla somma capitale, dalla data di deposito della ctu (23 gennaio 2014) e fino al momento della pubblicazione della sentenza. Condanna, in solido, al pagamento delle spese di CTU come liquidate in corso di causa e condanna inoltre l'ente convenuto alla rifusione delle spese processuali sostenute dall'ente attore, liquidate in complessivi €. 6.890,00 oltre IVA e CPA come per legge”.  Considerato l'importo rilevante al cui pagamento il Giudice ha condannato l'Ente, è stato chiesto al responsabile del settore dei lavori pubblici Francesco Greco di valutare ipotesi di rivalsa nei confronti della ditta che ha eseguito i lavori. Quest’ultimo ha fatto rilevare che “constatata la complessità della vertenza è opportuno nominare un legale per proporre appello”. Questa procedura potrà essere attuata non appena ci sarà la notifica ufficiale della sentenza al legale del Comune, presupposto per la decorrenza del termine breve per l'appello . Nel frattempo la giunta comunale di Carmine Antropoli ha conferito incarico all' avv. Gaetano De Novellis di redigere parere motivato in ordine alla proponibilità dell'appello e dare indicazioni rispetto ad eventuali azioni di rivalsa nei confronti dei potenziali responsabili esclusivi dei danni cagionati, previa indicazione degli stessi. La vicenda è iniziata nel 2003 quando venne notificato atto con cui il Sodalizio S. Maria delle Grazie citò il Comune di Capua e l'impresa a comparire dinnanzi al Tribunale di S. Maria C.V. in merito alle responsabilità di tutti i danni riportati dalla Chiesa S. Maria delle Grazie a seguito dei lavori pubblici di scavo e demolizione di calcestruzzo di cemento con mezzi meccanici pesanti per la realizzazione di una rete fognaria e di opere idrauliche e per l'effetto condannarli al risarcimento di tutti i danni.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.