Scuole e certificati di agibilità, "Capua 3 luglio": "Ecco le criticità e i problemi".

Piazza dei Giudici - Cronaca

scuola pierdellevigne areatransennataUno screening degli istituti scolastici cittadini, al fine di far emergere i problemi e le criticità che attengono alla sicurezza, auspicando un immediato impegno da parte dell'amministrazione comunale, è stato effettuato dal "Comitato Civico Capua 3 luglio".
"Abbiamo incontrato alcuni rappresentanti dei genitori e alcuni docenti – afferma il comitato in una nota - e il quadro emerso non è dei migliori"
I primi dubbi emersi sono quelli relativi ai "certificati di agibilità". Nello specifico: il certificato d'idoneità statica; il certificato d'idoneità igienico sanitario; il certificato di prevenzione incendi; certificati di collaudo impianto elettrico e messa a terra; collaudo impianto termico; dispositivi di protezione contro le scariche atmosferiche; certificato di conformità alla legge A13/89 (barriere architettoniche). Il Comitato ricorda che il sindaco Antropoli, nel corso della tavola rotonda organizzata recentemente sulle problematiche della scuola, ha affermato che né lui né i Dirigenti scolastici avrebbero aperto le scuole senza i requisiti necessari all'agibilità. Un affermazione che fa ritenere – sottolinea il Comitato – che il 15 settembre scorso tutte le scuole cittadine si sono regolarmente aperte e che ogni edificio scolastico è fornito della documentazione ai sensi della normativa vigente sulla sicurezza. Di questi documenti, però, il Comitato non ha trovato nemmeno uno. "Abbiamo verificato nel sito internet del comune, nella sezione amministrazione trasparente – prosegue la nota - e dei certificati non c'è traccia. Ci auguriamo che ciò sia dovuto a un disguido tecnico e che presto siano pubblicati". Auspichiamo, nell'ottica di una maggior trasparenza amministrativa, che anche gli Istituti scolastici, sul proprio sito internet, pubblichino i certificati di propria competenza".
scuola pierdellevigne viaromaPassando ad analizzare i problemi per ciascun istituto, il Comitato dipinge un quadro molto preoccupante e chiede verifiche ed interventi da parte dell'amministrazione. Per l'I.C. Pier delle Vigne (scuola elementare via Roma) viene sollevato il problema della staticità dell'edificio attiguo alla struttura scolastica (ex salone), dopo il crollo parziale di un solaio avvenuto alcuni mesi fa, sul quale c'è, tra l'altro, una relazione dettagliata dei vigili del fuoco di Caserta, quella della scala di emergenza e quello dell'ascensore non funzionando. All'I.C. Ettore Fieramosca (scuola elementare e scuola dell'infanzia via Brezza) le cose non vanno meglio. C'è il problema delle lastre di amianto, "sgretolate in più punti – evidenzia il Comitato - che si trovano a pochi passi dall'ingresso della scuola". Alla scuola dell'infanzia Umberto I la preoccupazione è tutta rivolta, invece, per il muro di cinta dell'ex caserma borbonica che presenta crepe, pietre pericolanti ed erbacce. Per il II Circolo (scuola elementare Sant'Angelo in Formis) c'è la richiesta di verifica della scarica di emergenza.
"Questi interventi – prosegue il Comitato - investono diversi Enti (Comune, A.S.L., Soprintendenza) che spesso si trincerano dietro il classico scaricabarile. Ma il valzer delle competenze non si può ballare sulla pelle dei bambini. Chi può faccia qualcosa. E chi non può faccia qualcosa lo stesso!" Passando, infine, ad analizzare gli aspetti relativi alla manutenzione e alla gestione ordinaria, il Comitato evidenzia che ci sono carenze po' in tutti gli istituti come gli infissi rotti, i servizi igienici non funzionanti, distacco di linee telefoniche, infiltrazioni d'acqua. "Carenze spesso attenuate solo grazie alla responsabilità, alla professionalità, all'impegno ed alla passione del personale docente e non docente della scuola" – sottolinea il Comitato che auspica un'azione sinergica da parte di tutti i Dirigenti scolastici con l'Amministrazione comunale e più attenzione, da parte di quest'ultima, nella ripartizione dei fondi in bilancio per la scuola.
"Noi di "Capua 3 luglio" – conclude la nota - ci impegneremo, dove la normativa e le possibilità economiche lo consentiranno, non solo a proporre soluzioni ma a risolvere alcune delle problematiche evidenziate. Abbiamo letto sul sito di Capuaonline un'intervista alla Delegata alla Pubblica Istruzione, Prof.ssa Fusco, la quale afferma che risponderà solo alle segnalazioni fatte dai dirigenti scolastici. Noi ci auguriamo che dopo aver letto questo documento, risponda anche alla propria coscienza".

Il Comitato nei prossimi giorni analizzerà i problemi delle scuole di compentza dell'ente provincia.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.