Tentata estorsione in concorso, aggravata dal metodo mafioso: a Capua 4 in manette

Piazza dei Giudici - Cronaca

carabinieri arresto Questa mattina i Carabinieri della Compagnia di Capua hanno proceduto al fermo di quattro persone (due uomini e due donne), S. V. cl. 1988, C.A. cl. 1968, L.F. cl. 1981 e L.M.G. cl. 1953, poiché ritenute responsabili dei reati di tentata estorsione in concorso, aggravata dal metodo mafioso.
Il provvedimento raccoglie e sviluppa le risultanze investigative svolte dai Carabinieri della Compagnia di Capua, unitamente a quelli delle Stazioni Carabinieri di Pignataro Maggiore e Vitulazio- L’attività di indagine ha avuto inizio a seguito delle denunce presentate da tre distinti imprenditori, operanti nell’agro caleno, vittime di reiterate richieste estorsive, poste in essere da parte dei sopra indicati soggetti riconducibili alla criminalità organizzata locale di tipo camorristico, con riferimento specifico alla famiglia “LIGATO- LUBRANO” ed al clan “dei Casalesi”.
L’attività di indagine ha permesso di raccogliere inconfutabili elementi di colpevolezza a carico degli indagati che, dal mese di luglio c.a., in diverse località ed in concorso tra loro, presentandosi, in nome e per conto del sodalizio criminale in argomento tentavano di estorcere, come detto a carico di alcuni imprenditori mediante violenze e minacce, ed a volte mediante l’utilizzo di armi, somme di denaro.
Gli arrestati dopo le formalità di ritto sono stati tradotti, presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.