Il forno crematorio? Si farà a Capua

Piazza dei Giudici - Cronaca

forno crematorioNella vicina Vitulazio sono stati in tanti a tirare un sospiro di sollievo dopo che la maggioranza che sostiene il sindaco uscente Achille Cuccari ha annunciato di non volere più il forno crematorio nel cimitero del paese. Un intendimento che, naturalmente, dovrà trovare riscontro negli atti amministrativi che annullino la delibera con la quale è stato approvata la proposta del progetto il 10 marzo scorso. A Capua, invece, il progetto del forno crematorio sembra stia andando avanti dopo il via libera dell’amministrazione di Carmine Antropoli di due anni fa. La proposta di “project financing” per la realizzazione di un forno crematorio nel cimitero di Sant’Angelo in Formis è stata fatta da una società modenese che si occupa di progettazione, realizzazione e gestione di impianti cimiteriali. Il forno – come si evince dalla delibera di giunta – sarà in grado di servire un bacino di utenza appartenente oltre che alla provincia di Caserta anche alle province limitrofe. Nella relazione si afferma, inoltre, che una recente indagine ha evidenziato che negli ultimi anni le richieste di cremazione sonosempre più frequenti e che nelle regioni settentrionali, dotate di idonei impianti, tale pratica si è particolarmente incrementata mentre nelle regioni meridionali, dove gli impianti sono rari, la richiesta non trova applicazione. Infine si sottolinea che la realizzazione del progetto, con l’esclusivo impiego di risorse private, comporterà notevoli effetti positivi per l’Ente in quanto il territorio comunale sarà dotato di una attrezzatura di alta qualità e di interesse sovra comunale e che la qualità del servizio offerto e la realizzazione delle strutture pertinenziali porterà, senza dubbio, un forte vantaggio sotto il profilo economico. Mentre il comune di Capua va avanti quello Vitulazio si sarebbe fermato. Forse meglio così perchè, probabilmente, due forni a breve distanza l’uno dall’altro, sarebbero stati davvero troppi con conseguenze gravi anche per la viabilità con carri funebri, provenienti da mezza Italia, in coda ai caselli di Capua (per il forno di Vitulazio) e di Santa Maria (per quello Sant’Angelo in Formis). Per ora rimane in piedi solo il progetto dell’amministrazione capuana che, a differenza di quanto accaduto a Vitulazio, non ha fatto registrare alcuna resistenza da parte di cittadini e forze politiche. Nella vicina Vitulazio, forse anche perchè c’è un clima elettorale in vista del rinnovo del consiglio comunale e dell’elezione del sindaco, molti partiti, movimenti e associazioni hanno preso posizione. Il Movimento 5 Stelle aveva perfino avviato una raccolta firme “contro” la decisione assunta dall’esecutivo. Tra i candidati alla carica di sindaco si era detto contrario all’impianto l’ex fascia tricolore Luigi Romano. Una questione che aveva tenuto banco per alcune settimane e, nonostante l’annunciata retromarcia dell’amministrazione Cuccari, continua ad essere al centro dell’attenzione. AM

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.