Scalera (Idv): "Spaccatura in maggioranza segno di sbando amministrativo"

Piazza dei Giudici - Cronaca

Nicola ScaleraPassata la festa resta il degrado, non solo quello dello della città ma, soprattutto, quello di un'amministrazione lacerata da lotte fratricide. Non usa mezzi termini il coordinatore cittadino dell'Idv, Nicola Scalera, che interviene con forza per denunciare come i dissidi interni alla compagine di centrodestra nascano da "appetiti personali per raschiare il fondo di un barile ormai vuoto". "Le spaccature nella "maggioranza bulgara" – afferma Scalera - non si contano più e, in una situazione di tutti contro tutti, è chiaro lo sbando amministrativo in cui versa la città. Non servirebbero altre prove per poter definire fallimentare questi sei anni di amministrazione che hanno ridotto la città in miseria. Ma basta poco per trovare nuove conferme ad ogni occasione, ecco le ultime: l'iter di approvazione del Piano Urbanistico Comunale (PUC) e le assunzioni della Ecological Service". Scalera sostiene che sul PUC la maggioranza non ha ancora trovato la quadratura del cerchio dopo che sono state presentare un centinaio di osservazioni e di richieste di rettifiche "ad uso personale", "evidentemente – dice – la coperta è troppo corta per poter accontentare tutti. Il coordinatore dell'Idv dice la sua anche sulla nota vicenda delle assunzioni effettuate dal'Ecological Service negli ultimi due anni. "Sono operatori ecologici assunti, ufficialmente, all'insaputa di chi avrebbe dovuto vigilare, ci auguriamo invece che la soluzione non sia l'ennesima beffa per la comunità con i nuovi stipendi". Il timore dell'esponente dell'Idv è che possano crescendo i costi del servizio e, conseguentemente la tarsu. L'Idv di Scalera è preoccupato per il vuoto gestionale dovuto al ritiro delle deleghe, ben diciassette, tra cui quella strategica al bilancio e finanze, al vice sindaco Ferraro, sul quale, qualche settimana fa, i dipietristi avevano concentrato la loro attenzione ritenendo una assenza di logica l'aver concentrato nelle mani di una sola persona un numero di deleghe così elevato. "Oggi – prosegue scalera - alla vittima, forse temporanea, degli ultimi dissidi interni sono state ritirate tutte le deleghe e ci ritroviamo di nuovo con un vuoto gestionale per il risanamento del bilancio. La situazione finanziaria è gravissima e continuano a mancare provvedimenti d'urgenza per la cura del "deficit strutturale" che non siano i continui tentativi di svendere i beni pubblici, manca inoltre una seria pianificazione di interventi per il risanamento. In questa situazione non possiamo che sentirci come Sparta con Atene: se chi ci amministra "piange" per le sue divisioni e per i suoi dissidi interni, per chi tiene al bene della città il blocco di ogni decisione con le condizioni disastrose che sta provocando non può certo far ridere".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.