Ennesimo furto al campo gara degli "Arcieri Campani". L'appello del presidente Di Benedetto

Piazza dei Giudici - Cronaca

IL LOGO DEGLI ARCIERI CAMPANIANTONIO DI BENEDETTOGli "Arcieri Campani" sono pronti a rimettere arco e frecce nello zaino e lasciare Capua. Il motivo? L'ennesimo furto subito. I malviventi sono entrati nel campo di gara, omologato dalla federazione, allestito nell'area dei fossati, ed hanno rubato l'intera recinzione. Purtroppo non è la prima volta che il campo subisce la violenza di vandali e malviventi. Questa volta, però, per il presidente del sodalizio sportivo Antonio Di Benedetto, si è passato oltre ogni limite e lancia, è proprio il caso di dire, l'ultima freccia, come un ultimo "avviso" alle istituzioni e ai cittadini. Un grido di allarme per attirare l'attenzione sperando che questo possa servire a "cambiare le cose".

"Quest'Associazione – afferma - è continuamente vittima di furti e atti vandalici nella pratica e promozione di questa disciplina sportiva che ha dato alla nostra città tante medaglie Internazionali, sta valutando l'ipotesi di allontanarsi da questa città, modificando anche la denominazione sociale. Dopo 15 anni di attività, e dopo tante denunce inoltrate alle forze dell'ordine, si continuano a verificare queste vere e proprie schifezze! L'ultima quando, perlustrando l'area dei fossati dove cerchiamo di allenarci nel periodo estivo, da marzo a settembre, con grande amarezza e sconforto abbiamo scoperto l'ennesimo furto perpetrato ai nostri danni: l'intera staccionata che delimitava il campo di gara, omologato dalla Federazione Italiana di Tiro con l'Arco quale campo di gara Nazionale, è stata rubata. Le difficoltà le incontriamo anche per l'utilizzo delle palestre dove, non solo quest'anno siamo stati vittime del furto del 90% del materiale, ma le istituzioni scolastiche ci negano addirittura l'utilizzo delle stesse: è stato necessario l'intervento del Sindaco per consentirci l'allenamento almeno fino a marzo e che dire del Palazzetto che è continuamente oggetto di furti di rame (cavi elettrici). L'amarezza è tanta e se le cose non cambieranno saremo costretti ad appoggiarci alle comunità vicine".

Infine l'appello all'amministrazione comunale.

"Speriamo – conclude Di Benedetto - che gli amministratori locali prendano a cuore questa situazione che è comune a tutto lo sport capuano".

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.