Parcheggi per disabili, la protesta dell'ACPH

Piazza dei Giudici - Cronaca

TABELLA POSTEGGIO DISABILIL'Associazione portatori di handicap è intervenuta in merito alla situaione dei parcheggi riservati ai disabili e, più in generale, alla sosta dei veicoli muniti di contrassegno, nelle strisce blu. La responsabile Luisa dell'Aquila Argia ha inviato una missiva all'amministrazione e alla Procura della Rebubblica.

A seguito di svariate segnalazioni provenienti dai Soci si evince la richiesta di pagamento per le auto dei disabili negli stalli blu in tutte le aree di parcheggio della città di Capua, così come da allegata foto dalla quale non si nota riferimento legislativo. Si fa presente che la scrivente si è recata presso il Comando di Polizia Municipale per chiedere informazioni su questa violazione dei diritti per persone riconosciute (purtroppo) invalidi civili e che espongono sul cruscotto il contrassegno obbligatorio per il riconoscimento della sosta gratuita anche negli spazi blu quando quelli a strisce gialle (pochissimi e quantomeno insufficienti) riservati per gli invalidi sono occupati. Non vi è stata una risposta esplicativa in maniera esauriente tranne quella di provvedere a produrre ricorso al Giudice di Pace o al Prefetto per cui, nel caso specifico, tali ricorsi cadrebbero a pioggia. Tale soluzione è oltremodo umiliante per chi già ha subito un "danno" dalla natura specie quando si ha il sentore di essere messi alla stregua di inqualificabili profittatori che sfruttano sofferenza e difficoltà per usufruire di un diritto che loro non spetta oltre a far comprendere che i contrassegni in questione forse sono stati rilasciati con superficialità. Si precisa che i disabili e le loro famiglie sono persone dignitose che farebbero ben volentieri a meno di tali diritti e, soprattutto, non sono disponibili ad accettare la "beffa" perpetrata nei loro riguardi. L'auto rappresenta le gambe dei disabili motori e una cautela per quelli psichici (in particolare autistici e disorientati nel tempo e nello spazio) perché si garantiscono, a questi ultimi, spostamenti su territorio gestiti in maniera disciplinata ed equilibrata. I disabili sono persone che vivono una vita adeguata alle loro possibilità e quindi sono obbligati a spostarsi su territorio per motivi legati alle loro esigenze e, pertanto, la decisione che si legge nel cartello ben visibile nella foto crea non poche difficoltà in particolare quella del rinnovo del pagamento orario che per un disabile motorio si articola nel: ritornare sul posto con la carrozzina; provvedere a rifare il tagliando con apparecchiature non adeguate all'abbattimento delle barriere architettoniche; riporlo nell'auto creando un rallentamento del traffico oppure nel caso di un disabile psichico significherebbe; lasciar solo il disabile (cosa assurda, impossibile ed incivile); affidarlo momentaneamente a persone estranee (cosa oltremodo assurda, impossibile, incivile e irrispettosa delle esigenze di chi ha bisogno di tutto). La soluzione? Rivolgersi a qualche persona "a pagamento" che aiuti e quindi allevi le difficoltà". La presidente chiede alle autorità preposte di voler provvedere a risolvere il problema quanto prima e chiede di "rivedere la reale necessità dei contrassegni rilasciati agli utenti che ne sono in possesso; di calcolare, ai sensi di legge il numero dei parcheggi riservati: 1 su 50 (49+1 riservato); di riproporre i posti riservati nel rispetto della metratura prevista dalle leggi.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.