CAPUA - Nettuno ritorna nella fontana di via Roma

Piazza dei Giudici - Cronaca

Finalmente ci siamo. La statua del "Nettuno" sta per ritornare nella fontana di via Roma posta nei pressi dell'ingresso del museo provinciale Campano. Si tratta, in realtà, di una nuova copia visto che l'originale, dopo un tentativo di furto nel 1979 è sotto chiave nella struttura museale, la vecchia copia fu "decapitata" qualche anno fa nel corso di alcuni lavori di pulizia e quella successiva (siamo nel 2006) fu "cacciata" a furor di popolo perchè ritenuta estranea al contesto. Il nuovo calco è stato realizzato nel 2012 dal gruppo di restauratori dell'impresa "Modugno" coordinati dalla Dott.ssa Paola Marraffa, in occasione dei lavori di ristrutturazione del museo eseguiti dalla ditta capuana e donato alla città. Con l'arrivo del nuovo assessore alla cultura, Jolanda Capriglione, qualcosa si è mosso e così, dopo le sollecitazioni dei cittadini e le interrogazioni dei consiglieri di minoranza Antonio Gucchierato e Pasquale Frattasi, è stata annunciata una cerimonia pubblica, per sabato 8 febbraio, nel corso della quale la statua ritornerà nella fontana del '700. Si spera che questo possa essere solo un piccolo passo verso il completo recupero di tutte le fontane storiche della città di Capua che versano, attualmente, in uno stato di abbandono e di incuria. Alcune di queste, come quella di piazza Etiopia e di piazza San Domenico, risalanti al cinquecento, sono diventare un ricettacolo di rifiuti. La ricollocazione della statua di nettuno nella fontana di via Roma sarà resa possibile grazie all'impegno dell'impresa Modugno.

 

LA CRONOLOGIA DEGLI EVENTI

ANNO 1978/79

A seguito di un non riuscito tentativo di furto della Statua del Nettuno,risalente al periodo ellenico,l'allora direttore del Museo Campano Prof. Francesco Garofano Venosta e con l'intervento della Soprintendenza ai Monumenti, provvidero alla sua rimozione per poterla meglio custodire nel Museo Campano;

ANNO 1980/81

su iniziativa dell'Associazione Pro Loco di Capua fu realizzato un calco della Statua del Nettuno che fu ricollocato nella Fontana garantendone così il decoro estetico e la sua funzionalità;

ANNO 1992

in occasione della visita alla Città di Capua del Santo Padre Giovanni Paolo II, l'Amministrazione comunale provvide alla JOLANDA CAPRIGLIONEpulizia di molti elementi lapidei e fra questi la Fontana del Museo,poichè le opere di pulizia furono malamente eseguite utilizzando idrosabbiatrici inopportune,durante la sua "pulizia" il calco della Statua fu decapitato;

ANNO 2006

l'Amministrazione comunale dell'epoca decise di collocare all'interno della fontana e al posto della Statua del Nettuno,una scultura moderna dorata,che, al di là ed al prescindere della sua valenza artistica intrinseca che certamente appariva fuori luogo e non adatta al sito.

ANNO 2012

in occasione della visita del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano si decise per motivi di decoro di rimuovere quel manufatto dorato e ricollocare nella fontana – seppure per poche ore – l'originale del Nettuno che la stessa sera ritornò al sicuro nel Museo Campano.

In quella occasione, nell'ambito dei lavori di riqualificazione e messa in sicurezza del Museo Campano,l'Impresa Modugno decise di offrire un nuovo calco del Nettuno,eseguito dai propri restauratori coordinati dalla Dott.ssa Paola Marraffa,che il prossimo 8 febbraio verrà ricollocato nel suo originario alloggiamento tornando a ripristinare la dignità di questa storica fontana che risale al XVII° secolo.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.