Sanità: bollino rosa per la Casa di Cura Villa Fiorita di Capua

Piazza dei Giudici - Cronaca

La Casa di Cura Villa Fiorita di Capua, agli inizi di dicembre a Roma presso la sala Polifunzionale della Presidenza del Consiglio dei Ministri è stata premiata con il bollino rosa, il riconoscimento che l’Osservatorio Nazionale sulla salute della Donna (O.N.Da) attribuisce alle strutture attente alla salute femminile.
L’Osservatorio Nazionale si è impegnato sin dalla sua nascita nella promozione e nella tutela della salute femminile. A questo scopo nel 2007 ha avviato nel il Programma Bollini Rosa con l’obiettivo di individuare e premiare gli ospedali italiani “vicini alle donne” che offrono servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, riservando particolare attenzione alle specifiche esigenze dell’utenza rosa.
Questa nuova edizione del bando, ha premiato 230 ospedali in tutta Italia,che si prendono cura delle donne. Il miglior posto dove partorire o sottoporsi a un intervento chirurgico.
“Quest’anno, il sistema di valutazione – ha detto Walter Ricciardi, ordinario di Igiene all’università Cattolica di Roma e presidente dell’advisory board che ha esaminato le strutture – è stato affinato, approfondito e reso più preciso”. La distribuzione degli ospedali con il ‘marchio’ rosa, che nell’edizione precedente erano 224, “vede ancora una preponderanza al Centro-Nord, con il primato della Lombardia. Ma anche al Sud la situazione sta migliorando”.
Nel sito www.bollinirosa.it sono consultabili le schede di tutti gli ospedali premiati con i relativi servizi, suddivisi per Regione, e con la possibilità per l’utenza di esprimere il proprio parere sulla base dell’esperienza personale. Grazie a un accordo con Federfarma, anche quest’anno le 17 mila farmacie, presenti su tutto il territorio nazionale, aiuteranno la popolazione femminile a trovare l’ospedale ‘amico delle donne’ più vicino a loro.
“I ‘Bollini rosa’ – ha detto Sabrina De Camillis, sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio – vengono assegnati a quelle strutture ospedaliere che promuovono una particolare attenzione alla medicina di genere, rappresentando un fattore virtuoso per migliorare la qualità e l’accessibilità a dei servizi ‘a misura di donna’.
“Con 230 ospedali premiati – spiega la presidente di Onda, Francesca Merzagora – possiamo dire di aver raggiunto qualche risultato interessante: da un lato, aver creato un oggettivo e utile strumento di valutazione di strutture ospedaliere con reparti e servizi a ‘misura di donna’, dall’altro aver avviato e perseguito negli anni un costante processo di sensibilizzazione della sanità italiana al genere femminile nel suo complesso: servizi, attenzioni, cure, aiuto, rispetto”. “Lavorare per la salute della donna – ha evidenziato Emilia De Biasi, presidente della commissione Sanità del Senato – è la strada da percorrere per riconvertire l’intero Ssn. Le donne sono diverse dagli uomini e la medicina deve adeguarsi a questo fatto. Abbiamo discusso molto in questo ultimo periodo di sanità dal punto di vista economico, ora è il momento di agire di più sulla prevenzione, sulla ricerca e sul rapporto fra il sistema ospedaliero e il suo territorio, in modo da riconvertire qualitativamente la spesa”.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.