CAPUA - Centrosinistra, Di Monaco: "E' pronta la rinascita del PD"

Piazza dei Giudici - Cronaca

LUIGI DI MONACODopo la fuoriuscita dal partito del gruppo che fa capo a Loredana Affinito e Franco Passaro, i Democratici di Capua e di Sant'Angelo in Formis provano a ripartire con l'azione politica sul territorio anche grazie alla campagna di tesseramento. Un gruppo, il cosiddetto "zoccolo duro" di militanti, composto, tra gli altri, da Luigi Di Monaco, Luca Prezioso, Gaetano Mariano, Carlo Picone, Patrizia Aversano Stabile, Franco Silipo, Claudio Raucci, Livia Vastano e Claudio Carbone sta riorganizzando il partito dopo i risultati negativi delle ultime elezioni amministrative che hanno sbarrato al Pd le porte consiglio comunale e dopo la quasi totale assenza di azione politica sul territorio dovuta alla contrapposizione con il gruppo Affinito-Passaro che, di fatto, ha bloccato il partito per ben due anni. "E' bene precisare – afferma l'ex consigliere comunale Luigi Di Monaco – che nessuno è stato messo alla porta e quel gruppo è andato via senza una motivazione e senza che ci sia stato un confronto interno" . Ora si cerca di voltare pagina – come sottolinea Di Monaco – non solo con l'obiettivo di ridare al partito un ruolo importante nel panorama politico cittadino ma, soprattutto, per costruire l'unità delle forze del centrosinistra, coalizione dove fino ad oggi hanno prevalso troppi individualismi. "C'è molto da lavorare – prosegue - siamo determinatissimi e anche grazie alla disponibilità di persone che hanno messo al servizio del gruppo la loro lunga esperienza e, soprattutto, saggezza, di riuscire a ridare al Pd quel ruolo centrale nel contesto politico e di forza importante per l'intera compagine di centrosinistra. Occorre fare rete ed essere incisivi nelle azioni". Terminata la fase del tesseramento "per la quale – afferma Di Monaco – chiederemo una sessione supplementare", ci sarà quella congressuale che andrà a definire l'assetto organizzativo del circolo unificato per Capua e Sant'Angelo in Formis. Ultimata questa fase meramente burocratica, si passerà a quella dell'attivismo territoriale. "Con la gente e tra le gente – sottolinea –dovremmo affrontare le troppe e numerose emergenze che investono il comune di Capua ad iniziare dalla gestione fallimentare delle finanze che ha portato al dissesto". Il Pd rilancia ed è determinato a riconquistare il ruolo di opposizione che, fino ad oggi, lo ha visto assente dalla scena politica (in buona compagnia con le altre forze del centrosinistra fatta eccezione dell'Idv e del lavoro portato avanti dal consigliere comunale Tonino Gucchierato). Ruolo che oggi, paradossalmente, è svolto da alcune forze del centrodestra andate in collisione con l'amministrazione guidata da Carmine Antropoli. "Occorre fare – prosegue – un'opposizione ferma e decisa con l'obiettivo di creare le condizioni per offrire all'elettorato un progetto politico alternativo a chi in questi anni ha portato la città al disastro sotto ogni profilo. Senza voler fare polemiche, il Pdl e l'Udc che oggi fanno opposizione all'amministrazione, sono quelle stesse forze che negli ultimi sette anni hanno appoggiato fortemente Antropoli ed hanno amministrato anche precedentemente con Pasca. Ed è proprio durante la gestione di queste due amministrazioni, come hanno evidenziato i Revisori dei Conti, che c'è stato un aumento considerevole della spesa pubblica che ha portato al dissesto. Questa è la verità". Troppi – sottolinea Di Monaco – i problemi che lamentano i cittadini rimasti sul tappeto. "Problemi – dice - che non sono stati mai affrontati e poi a quest'amministrazione è mancato un progetto per la città e i risultati negativi sono sotto gli occhi di tutti. Chi governa lo dovrebbe fare con spirito di servizio e con i piedi per terra. Inutile programmare opere che poi non si è in grado di portare a termine con ripercussioni negative anche sotto il profilo ambientale, come purtroppo è accaduto in questi ultimi anni. Un'amministrazione dovrebbe garantire i servizi principali ed essenziali per una comunità ma tutto questo non è avvenuto. Non c'è un solo settore dove non si registrano criticità: dai rifiuti, con i cittadini che pagano la tassa di scopo ma i netturbini lamentano ritardi negli stipendi, alla viabilità. Per non parlare dell'impiantistica sportiva e scolastica. Quest'amministrazione ha dirottato circa 2 milioni di euro di finanziamento, destinati alla scuola di Porta Roma, per fare una serie di interventi, come ad esempio il rifacimento di qualche marciapiede, che non hanno portato alcun beneficio. La lista delle cose che non vanno, purtroppo, è lunga". Ora non resta che attendere la fase post-congressuale per vedere con quali modalità il Pd intenderà portare avanti la propria azione politica nei confronti dell'amministrazione e in che modo si rapporterà con le altre forze del centrosinistra.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.