Le cause del dissesto - Analisi politico-amministrativa del sindaco Antropoli

Piazza dei Giudici - Cronaca

antropoli.jpgIl sindaco Carmine Antropoli nel corso del consiglio comunale di stamane, convocato per votare la delibera del dissesto finanziario dell'Ente, ha tracciato un'analisi politico amministrativa sulle cause che hanno portato l'Ente alla difficile situazione finanziaria. Nella relazione il sindaco ha sottolineato come la sua amministrazione non ha acceso mutui passivi presso la Cassa Depositi e Prestiti con la sola eccezione di quello relativo ad un debito fuori bilancio e che le opere realizzate sul territorio sono state finanziate con fondi regionali, fondi europei, fondi Inail e in project financing, fatta eccezione per alcuni lavori realizzati attraverso un mutuo acceso dalla gestione commissariale nel 2005.

ANALISI POLITICO-AMMINISTRATIVA SULLE CAUSE DEL DISSESTO

di Carmine Antropoli

Sig. Presidente del Consiglio, gentili consiglieri, oggi questo consesso è chiamato ad esprimersi sulla deliberazione del dissesto finanziario del Comune di Capua. Una manifestazione di volontà di grande responsabilità che chiama ognuno di noi, al di là delle appartenenze, ad una seria riflessione sulla necessità di tale scelta per fronteggiare le problematiche finanziarie dell'Ente che non sono risultate risolvibili, per la ristrettezza dei tempi a disposizione, con l'applicazione degli ordinari strumenti gestionali e amministrativi. Ed è proprio quel senso di responsabilità che ha portato già l'organo giuntale, accogliendo le indicazioni tecniche del funzionario responsabile, ad avviare la procedura di che trattasi, proponendo quest'organo deliberante la definizione della suddetta procedura, anche in considerazione delle più recenti conclusioni del collegio dei revisori dei conti circa le cause del dissesto, che, in verità, appaiono, in taluni casi non adeguatamente approfondite, soprattutto in considerazione della rilevanza della questione in esame. Senza, tuttavia, esimerci, da un lato, dal dovere di comunicazione delle motivazioni di tale scelta, dall'altro, da un'analisi e valutazione dei fatti amministrativi e finanziari che hanno interessato questa Amministrazione, in carica dall'anno 2006, che, probabilmente, per ragioni tecnico-espositive non hanno potuto trovare la doverosa rilevanza nella relazione sulle cause presentata dal suddetto collegio.

Per quanto attiene alle motivazioni vanno subito manifestati gli sforzi tecnici e politici messi in atto per scongiurare la procedura di dissesto. A seguito dell'approvazione del Consuntivo 2012, conclusosi con un disavanzo di amministrazione di € 8.206.883,01, considerata l'impossibilità di poter finanziare tale disavanzo in un triennio, ai sensi del D. Lgs. 267/2000, in sede di approvazione del Bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013 - 2015, è stata scelta l'applicazione della procedura di riequilibrio decennale ex art. 243 bis D. Lgs. 267/2000. Tale strumento, infatti, dà la possibilità di spalmare su dieci anni il disavanzo di amministrazione ed inoltre, consente il finanziamento, con l'alienazione dei beni immobili, anche della spesa corrente (operazione invece inibita nella ordinaria gestione di bilancio). Nonostante, la capacità di finanziamento del fabbisogno straordinario (vedasi allegato 1 alla nota del responsabile del Settore Finanziario parte integrante e sostanziale della delibera di Giunta Comunale n. 136 del 2/08/2013), la manovra non è risultata sostenibile a causa del mancato raggiungimento del pareggio di bilancio ordinario 2013. La perentorietà del termine di approvazione della delibera di riequilibrio pluriennale ex art. 243 bis D. Lgs. 267/2000 (sessanta giorni dalla esecutività della delibera di adozione della procedura stessa) ha obbligato l'Ente all'avvio della procedura di dissesto. Infatti, a norma di legge, nei sessanta giorni, se non si approva il riequilibrio, d'ufficio si dovrà deliberare la procedura di cui all'art. 244 D.Lgs. 267/2000 (dissesto finanziario). Per cui l'Ente pur possedendo le potenzialità per affrontare e risolvere le difficoltà finanziarie, per la severità dei termini di legge, ha dovuto soccombere ed avviare la procedura prevista dagli artt. 244 e seguenti del tuel. Quali i motivi del mancato pareggio di bilancio? Sicuramente una serie di restrizioni progressive e concorrenti imposte sulla spesa corrente che richiedono manovre di bilancio di riequilibrio nel medio termine.

Si pensi:

- all'introduzione, nel 2012, del fondo svalutazione credito nella misura del 25% dei residui attivi di titoli I e III antecedenti ai cinque anni precedenti, incrementato, nel 2013, al 50% (attualmente col decreto del fare portato al 30%) per l'adozione del D.L. 35/2013: tale fondo nel 2013 assorbirà circa un milione di euro;

- alla riduzione progressiva dei trasferimenti statali, a Capua sono passati da euro 3.859.844,27 nel 2010 ad euro 2.679.460,97 nel 2011 ad euro 1.991.874,59 nel 2012, nel 2013 si prevede un'ulteriore riduzione di circa euro 350.000,00 in applicazione della norma sulla spending review;

- agli obiettivi di saldo del patto di stabilità progressivamente migliorativi, il cui conseguimento richiede un surplus delle entrate sulle uscite di parte corrente che il più delle volte corrisponde proprio all'avanzo corrente essendo, la parte capitale, caratterizzata da una quasi sempre perfetta correlazione tra entrata e uscita.

Per quanto attiene all'analisi e valutazione dei fatti amministrativi e finanziari che hanno interessato l'amministrazione corrente e quella precedente, al solo fine di assicurare onore alla verità ed alla trasparenza, bisogna evidenziare che già nell'anno 2006 l'Ente presentava una situazione di cassa deficitaria che non consentiva un'agevole vita amministrativa, oltre ad un'elevata mole di debiti e/o passività potenziali il cui sviluppo è ricaduto durante l'Amministrazione dello scrivente che, essendo la più longeva che la città abbia avuto almeno negli ultimi trenta anni, ha dovuto affrontare in pienezza il riconoscimento e finanziamento dei debiti e il conseguente pagamento. Tale situazione ha causato una forte contrazione nella programmazione di bilancio, frutto di una progressiva riduzione della spesa corrente, che, in taluni casi, ha ingessato la capacità di erogazione della medesima non consentendo la tempestività dei pagamenti di parte corrente. Da una rivisitazione degli atti deliberativi dal 2006 ad oggi, si evince, come da prospetti di seguito riportati che le due Amministrazioni guidate dallo scrivente ha riconosciuto debiti fuori bilancio per un totale di euro 8.117.428,48 di cui euro 6.527.529,89 di provenienza di periodi ante 2006. La quota residua di debiti inerenti l' Amministrazione corrente è composta da fatti gestionali non prevedibili e preventivamente quantizzabili e, comunque, afferenti alla gestione ordinaria (debiti sorti verso case famiglia, di lavori di somma urgenza Per far fronte alla copertura della suddetta massa debitoria l'Amministrazione ha dovuto porre mano a soluzioni che da un lato hanno inciso sulla spesa corrente (accensione di mutuo passivo), dall'altro sul patrimonio immobiliare della città.

Infatti, l'unico mutuo passivo acceso presso la Cassa Depositi e Prestiti, per euro 2.200.000,00 è stato causato dall'estinzione del debito fuori bilancio Ippolito Antonio di euro 2.800.000,00 (finanziato per euro 600.000,00 dalla vendita di un bene patrimoniale). Mentre, l'Ente, per il finanziamento degli ulteriori debiti ha proceduto all'alienazione di parte del patrimonio immobiliare (il Comune di Capua è proprietario di beni per un valore di euro 45.881.123,41) come di seguito elencato:

1. Complesso Gesù Confalone euro 450.000,00

2. Parte Ex Albergo delle Poste euro 357.605,20

3. App.ti P.co Mimosa euro 419.800,01

4. Terreni Casa Cerere euro 587.150,00

5. Terreni siti in S. Tammaro euro 609.250,00

Un impegno amministrativo costante, per le necessità espresse, è stato proprio quello di non incidere, nel procedimento di spesa, ulteriormente, sulla spesa corrente, già interessata da restrizioni normative. La prova più lampante di tale atteggiamento è riscontrabile proprio nell'assenza di accensione di mutui passivi (fatta eccezione per quello citato). Pertanto, le opere pubbliche, come da prospetto allegato, sono state tutte realizzate in autofinanziamento. Fatta eccezione, infatti, per alcuni lavori finanziati con devoluzione di mutuo acceso nel 2005 dalla gestione commissariale, tutte le opere sono state finanziate con Fondi regionali, Fondi Cipe, Fondi Inail, in Project financing. Dunque, l'Amministrazione ha dotato il territorio comunale di opere importanti

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.