Il consigliere Ricci interviene sulla questione del dissesto finanziario

Piazza dei Giudici - Cronaca

riccimarco.jpgIl consiglio comunale sarà chiamato ad esprimersi sul "dissesto finanziario", procedura per la quale il Comune di Capua avrebbe avviato in questi giorni le procedure burocratiche. Con molta probabilità il consiglio sarà convocato a settembre anche per dare il tempo agli uffici preposti di concludere l'iter procedurale previsto.

Per il consigliere comunale Marco Ricci che nell'ultimo anno e mezzo si è occupato delle finanze dell'Ente, si è cercato in tutti i modo di evitare il dissesto, cercando di aderire al decreto "salva Comuni" predisposto dal governo Monti ma i numeri sono stati implacabili, la mole debitoria dell'Ente è particolarmente elevata per cui l'unica scelta possibile è stata quello del dissesto. "Come già ha avuto modo di spiegare il sindaco – afferma Ricci – si tratta di una mole debitoria risalente addirittura agli anni ottanta che, unitamente al drastico taglio dei trasferimenti dallo Stato centrale al Comune, così come è avvenuto per tutti gli Enti locali, si è creata una situazione di difficoltà che ora, questa amministrazione, responsabilmente sta cercando di risolvere. E' sotto gli occhi di tutti quello che sta accadendo nelle regioni, nelle province, nei comuni e negli enti pubblici in generale con una situazione economica difficile e delicata che ha coinvolto anche il nostro Comune. Con il dissesto l'ente ricomincerà da zero".

Il delegato Ricci sostiene che gli "effetti" del dissesto non incideranno sui cittadini anche perché le aliquote imponibili che dovrebbero essere portate al massimo già hanno raggiunto questa soglia. "E' importante evidenziare – afferma – che con la procedura del dissesto salvaguarderemo tutti i posti di lavoro dell'ente che, in altre situazioni, potevano rientrare anche in un discorso di mobilità. L'amministrazione continuerà nel suo lavoro garantendo quelli che sono i servizi indispensabili come le scuole e i servizi di refezioni, gli stipendi ai dipendenti comunali e il servizio di raccolta dei rifiuti. C'è poi la questione della massa debitoria e di credito che, invece, dovrà essere gestita da tecnici nominati dal Ministero dell'Interno attraverso le Prefetture". Ai tecnici, quindi, il compito di azzerare il debito attraverso un apposito piano di riequilibrio. "Debito – afferma Ricci – che è emerso grazie al lavoro messo in campo da quest'amministrazione che ha proceduto ad un capillare censimento grazie al lavoro portato avanti dal dirigente Mattia Parente da pochi mesi a capo di un ufficio importante e vitale per l'ente".

Per Ricci quella del dissesto è una strada che consentirà di risanare l'Ente. "Il dissesto – afferma – dovrà essere "riassorbito" in cinque anni ma ci sono le condizioni affinché questo possa accadere molto prima. Con l'approvazione del Puc, infatti, sono previste nuove entrate grazie agli oneri di urbanizzazione che si andranno ad aggiungere alle entrate per le tasse locali, penso alla tarsu e all'imu, che stanno notevolmente aumentando grazie al lavoro che sta facendo la Iap dopo l'esternalizzazione del servizio".

Il consigliere nonché segretario cittadino del Nuovo Psi, nel sottolineare la scelta coraggiosa dell'amministrazione ricorda che molti altri comuni come Caserta hanno fatto questa scelta "sicuramente dolorosa" – dice che però consente agli enti locali di ripartire nuovamente con nuovo slancio dopo aver concluso la procedura prevista dal dissesto stesso.

 

M.L.

Banner
Banner
 
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Seguici su ...

facebook logogoogle+ logotwitter logoyoutube logo
Banner

Webcam Capua

Vista sul Lungo fiume Volturno

Vista Sud-Est

Newsletters










Articoli archiviati

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter

Capuaonline.com utilizza i cookie per migliorare la vostra esperienza sul sito. I Cookie essenziali impiegati per il funzionamento del sito sono stati già impostati. Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli, vedere la nostra policy sulla privacy .

Accetto i cookie da questo sito.